Trend positivo per questa stagione del parco che come riportato da alcune testate giornalistiche ha registrato un aumento del numero di visitatori del resort e un aumento anche nel settore ricettivo del parco, segnando sostanzialmente una stagione positiva rispetto al 2017.

Vi lasciamo all’articolo di Ask News:

Il 2018 è stato un anno “record” per Gardaland, con un trend positivo “sia all’interno del Parco sia nei due hotel del Resort”. Il Parco, afferma il Ceo di Gardaland Aldo Maria Vigevani, “ha avuto un aumento di visitatori del 17% rispetto al 2017 mentre i due hotel hanno avuto un aumento occupazionale pari al 5%. Siamo molto compiaciuti di aver centrato gli obiettivi che ci eravamo prefissati: Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel sono quasi sempre full-booked, tanto che abbiamo raggiunto una occupazione camere dell’85% nel corso dell’ultima stagione”.

Forte del successo della stagione 2018, Gardaland Resort “rafforza quindi la sua leadership nel campo dell’hotellerie tematizzata in Italia grazie all’investimento di 20 milioni di euro per la costruzione di Gardaland Magic Hotel”.

Per i mercati esteri, su cui la società “continuerà a implementare accordi anche nel 2019, gli hotel di Gardaland Resort hanno registrato un ottimo flusso di austriaci, tedeschi, svizzeri e britannici, soprattutto da parte di famiglie con bambini che apprezzano l’offerta di entertainment”. Inoltre, “molto positive le presenze da Israele, rese possibili anche dai collegamenti ormai consolidati dall’aeroporto di Tel Aviv a Verona, con voli di linea e charter”.

Per i clienti che hanno scelto di soggiornare negli hotel di Gardaland Resort, “un dato particolarmente significativo è stato la forte crescita di prenotazioni delle camere da parte di turisti italiani, il 17,2% in più rispetto al 2017, tanto che il mercato nazionale rappresenta il 58,4% sul totale delle prenotazioni nei due hotel. I top visitor sono famiglie di quattro persone provenienti da Roma, Milano, Torino, Bari e Venezia con un soggiorno medio di due notti”.