Descrizione
La maggior parte delle specie del genere ha un corpo piuttosto allungato, appiattito sul ventre e leggermente convesso nella parte dorsale. La bocca del barbo è in posizione ventrale ed è circondata da 4 barbigli. Le labbra sono carnose e il labbro inferiore è modificato e spesso porta un lobo rivolto all’indietro, il cui studio ha una notevole importanza tassonomica. Altro carattere importante per la determinazione delle specie è l’ultimo raggio non biforcato della pinna dorsale: questo può essere morbido o rigido e dotato di una seghettatura sul lato posteriore. Sfortunatamente tutti questi caratteri compaiono solo una volta raggiunta l’età adulta, per cui riconoscere un esemplare giovane, specie in ambienti dove siano state introdotte molte specie alloctone, può essere impossibile.
La livrea cambia con l’età; gli esemplari giovani sono di solito uniformemente coperti di macchiette scure.
Le dimensioni del barbo, in alcune specie extraeuropee, possono superare i 10 kg.
Fonte Wikipedia – Immagine: Il blog del pescatore

Comments are closed.