Distribuzione e habitat
La specie del gobione ha un areale vastissimo che parte dai Pirenei per arrivare alle coste siberiane dell’Oceano Pacifico.
La diffusione in Europa comprende l’intero continente con l’eccezione della Penisola Iberica, il centro e sud Italia, la Grecia, la Dalmazia, la Scozia, l’Islanda, la Scandinavia centro-settentrionale.
In Italia è autoctono solo nel bacino padano ma in seguito ad introduzioni (transfaunazione) si è diffuso anche in Toscana, Lazio e Umbria (e probabilmente altrove).
Vive di preferenza in acque ossigenate, pulite, poco profonde dotate di una certa corrente e con fondo sabbioso o ghiaioso, nella Zona dei Ciprinidi a deposizione litofila.
Descrizione
Il gobione appare abbastanza simile alle specie europee del genere Barbus ma:
ha due soli barbigli ai lati della bocca, dotata di labbra carnose
le dimensioni sono molto inferiori (al massimo 15–20 cm, in media 8–10 cm))
La testa è, in proporzione, molto più grande, con bocca in posizione ventrale
La pinna dorsale e la pinna caudale sono macchiate e striate di scuro mentre le pinne pettorali, le pinne pelviche e la pinna anale non hanno macchie o ne hanno di modeste alla base, il loro colore va dal crema al bruno rossastro.
la livrea è caratteristica: dorso grigio verdastro, fianchi argentei con sfumatura giallo verdastra con una serie di grosse macchie scure rotondeggianti, ventre bianco o argenteo
Fonte: Wikipedia
gobione

Comments are closed.