Dopo due anni di grandi successi grazie alla realizzazione di Oblivion, la trasformazione del Souk Arabo ne “La città blu”, la creazione dell’area Kung Fu Panda Academy e del Gardaland Adventure Hotel e di vari punti ristoro ben realizzati; era prevedibile che per questo 2017 gli investimenti del parco sarebbero stati molto bassi e le novità in generale nulla di particolare.

Shaman, la novità principale per la stagione 2017, è stato un investimento limitato per dare nuova linfa ad una vecchia attrazione inserendo la realtà virtuale allo storico coaster del parco e attorniandolo con una discreta scenografia legata al mondo mistico degli indiani d’America. Mesi prima dell’apertura, tutto era pronto per cominciare una stagione sicuramente tranquilla, ma anche molto interessante. Purtroppo, nel viaggio esoterico per sconfiggere forze oscure, lo Sciamano deve aver lanciato qualche maledizione che ha colpito il parco.

Ad una settimana dall’apertura un problema tecnico ha completamente stravolto i piani di un’intera stagione. Con una campagna pubblicitaria in corso e una presentazione alla stampa il giorno dell’apertura, la realtà virtuale ha creato problemi non venendo implementata. Shaman quindi è tornato ad essere semplicemente Magic Mountain con una bella scenografia di contorno legata agli indiani d’America e cattura sogni. Il giorno dell’apertura e della conferenza stampa inoltre, come riportato poi da tutti i giornali, è stato presente un Blackout generale di pochi secondi ingigantito dai vari media creando una pubblicità negativa per il parco.

Se da un lato l’investimento di Shaman, doveva essere un investimento sicuro, per proporre una novità virtuale (come accaduto tante volte nel corso degli anni quando venivano presentate solo delle novità su esperienze virtuali come Himalamazon o L’Isola dei Dinosauri) e invogliare le persone a visitare il parco, dall’altro lato, la “Maledizione” ha portato ad una serie di problemi non indifferenti al parco e non solo legati a Shaman.

SHAMAN’S COURSE

Il problema principale di Shaman è stata la tecnologia, la quale ha creato grandi problemi legati prevalentemente alla sincronizzazione del filmato con i movimenti del treno di magic mountain, i quali devono essere ben sincronizzati tra loro per evitare il classico “Motion Sickness” o meglio il senso di nausea che può essere procurato agli ospiti (nel caso in cui i movimenti reali non corrispondano ai movimenti presenti nel filmato). La difficoltà maggiore, soprattutto in un coaster vecchio come quello di Gardaland è la presenza di treni lunghi nel tracciato dove ogni parte del treno deve presentare animazioni virtuali differenti. Sicuramente il filmato è stato calibrato per la sezione centrale del treno che non ha particolari cambiamenti di accelerazioni nel corso del tracciato, di contro la parte frontale e quella anteriore presentano rallentamenti e accelerazioni differenti dovute alle varie discese. Per capirci meglio, la prima discesa di Magic Mountain se affrontata in prima fila è quasi frenata sino a metà discesa, invece se affrontata in ultima fila si riceve una forte accelerazione  e questo deve essere tradotto in un visore con animazioni virtuali. Un altro problema legato all’aspetto tecnologico è sicuramente derivato dal movimento del treno. Il tracciato presenta forti scossoni e questi sicuramente hanno creato grattacapi all’hardware che deve gestire il tutto tramite wifi.

L’attrazione che doveva essere una novità si è quindi rivelata un enorme problema lungo tutta la stagione. Con una campagna pubblicitaria iniziata ed un’altra prevista nel corso dell’estate, il parco è stato costretto a cambiare in corsa gli spot televisivi e radiofonici creando un grande danno anche a livello economico e non dando visibilità a quella che doveva essere una novità; ma agli occhi dei “Babbani”, Gardaland, per quest’anno, non presentava nulla di nuovo e sicuramente ha influito negli ingressi al parco, che a livello di presenze si è tornati indietro di quasi 20 anni.

Non dimentichiamo però i problemi legati alla portata oraria e alla gestione delle code. Il numero di ospiti orari è drasticamente crollato a causa di problemi tecnici e dei lunghi tempi di preparazione dei guest con cuffie e con i visori VR. Code chilometriche anche in giornate tranquille hanno portato a molte lamentele tra gli ospiti, e questo non è mai un bene. Nonostante ciò, coloro che sono riusciti a provare la realtà virtuale sull’attrazione senza riscontrare particolari inconvenienti, sono rimasti molto soddisfatti dall’esperienza.

A fine stagione sono state infine create due code separate, una per la realtà virtuale e una per chi non vuole provare l’avventura in VR. E proprio l’uso degli occhialini è stato ridotto ad un solo vagone dell’intero treno, forse quello in cui i visori non creavano problemi di sincronizzazione e molto probabilmente resterà così anche nei prossimi anni. Shaman a tutt’ora è stato quindi un grande flop nonostante sulla carta poteva risultare una carta vincente per una stagione dalle basse aspettative.

LA MALEDIZIONE SI ESTENDE

Molto atteso dagli appassionati, il filmato di Time Voyagers è tornato dopo diversi anni di assenza ad emozionare e divertire il pubblico…almeno fino a quando non sono terminati gli occhialini per il 3D. Una potenziale “novità” per quanto già presente al parco anni addietro, poteva avere un punto di vantaggio per gli ospiti che non lo avevano ancora visto e per quelli nostalgici che avrebbero voluto ri-vederlo. La mancanza degli occhialini per l’effetto tridimensionale, per quando non vada a rovinare completamente l’esperienza di un filmato qualitativamente bellissimo ed entusiasmante, ha reso l’attrazione meno interessante e coinvolgente in quanto la maggior parte delle scene fu studiata proprio per sfruttare l’effetto 3D e creare situazioni di “paura” come ad esempio i pipistrelli nella caverna o la murena che ci attacca. Spariti anche i due schermi laterali che creavano un effetto di maggior coinvolgimento. La facciata del Time Voyagers inoltre è rimasta coperta dalle pareti ghiacciate così come l’interno. Un ennesima occasione sprecata per il parco che poteva nuovamente puntare su Time Voyagers e la bellezza delle stanze interne e della facciata simil Monte Rushmore.

Come se non bastasse, la maledizione dello sciamano ha colpito anche il suo “vicino” Sequoia Adventure, costringendo l’attrazione a chiudere a metà stagione sino al prossimo anno a causa di non si sa bene quale problema tecnico e meccanico. Tornerà molto probabilmente nel 2018 sempre che il parco nel frattempo chiami un esorcista per liberarsi della maledizione.

Anche i Corsari, nonostante i numerosi interventi avvenuti negli anni per rattoppare le ormai troppe “magane” e sperando in un restyiling interessante, magari come suggerito da noi in un altro articolo LEGGI QUI, ha visto una stagione di degrado generale. Siamo consapevoli che il costo di un attrazione come i questa sia altissimo, sia a livello di utilizzo che di manutenzione, ma dovrebbe spingere il parco a migliorarla e rilanciarla in quanto è, e rimane, un attrazione da un grandissimo potenziale. Durante

la stagione ha avuto diversi blocchi e per diverse settimane il percorso sino alla scena del villaggio era in modalità “Luci di emergenza”, senza effetti sonori, soundtrack ed effetti luci. Un vero colpo al cuore per qualsiasi fan del parco e di questa storica attrazione che negli ultimi anni ha visto una serie di defezioni come la “nebbia” nella scena della foresta e delle “rocce umane” o il tunnel acquatico alla fine del percorso praticamente ormai spento. Speriamo in un 2018 più interessante per questa storica attrazione.

Nemmeno il settore artistico è stato risparmiato dallo sciamano; se da un lato la qualità degli show generali è stato di altissimo livello e un grande successo da parte del pubblico, dall’altra uno show in particolare è stato “maledetto”. Previsto per il periodo estivo di Night Is Magic, il consueto show finale doveva essere spostato nel Palablu offrendo un mix di musiche, luci, fontane danzanti e ispirato alle “4 stagioni” di Vivaldi. A causa di problemi non dipendenti dal parco, lo show è stato quindi annullato. Molto probabilmente si cercherà di proporlo come novità per la prossima stagione estiva, avendo tutto il tempo per pianificarlo e intervenire sul progetto originale se non addirittura trasformarlo completamente.

MALEDIZIONE VIRTUALE

Anche sul fronte “internet” il parco ha avuto diversi problemi con la ribalta di Leolandia nella classifica dei migliori parchi italiani di Tripadvisor. Gardaland è sceso infatti alla seconda posizione. Questo è dovuto alle recensioni che per il parco di Leolandia, impostato sulle famiglie e su attrazioni prevalentemente per bambini piccoli ha recensioni migliori perché centra l’obbiettivo di divertire tutti senza il caos che generalmente è presente a Gardaland. Da un lato però le recensioni negative su Gardaland sono dettate da molti fan che criticano il parco gardesano per qualsiasi iniziativa che non sia loro congeniale non capendo comunque che la gestione di un parco divertimenti non è semplice e che molto è dettato da scelte di marketing e gestione del bilancio. Molto probabilmente è questo che ha fatto scattare al parco l’idea di proporre per il prossimo anno una piccola zona dedicata a Peppa Pig per soddisfare i piccoli ospiti che di riflesso soddisferanno la famiglia che gli accompagna. Puntare sui Brand permette molti vantaggi, certo vedere Prezzemolo messo da parte dispiace però nomi forti a livello mondiale fanno più presa sul pubblico generico di parchi divertimento e grazie a vari accordi, l’utilizzo di Brand porta anche vantaggi economici. Ad esempio l’area di Kung Fu Panda è stata realizzata utilizzando il noto Brand della Dreamworks e questo ha permesso la realizzazione di un area a tema che, una volta terminata la licenza, resterà un area “Antica Cina” generica con pochi interventi e con un investimento ammortizzato con la Dreamworks stessa.

LA MALEDIZIONE INVERNALE

Presasi un po’ di pausa durante il Magic Halloween la maledizione colpirà anche l’ultima apertura del parco:il prossimo Magic Winter vede la mancanza degli scivoli su finta neve e nuovamente della pista di go-kart e il grande albero. Quest’ultimo non è necessariamente una mancanza visto che verrà sfruttato L’albero di Prezzemolo che potrebbe offrire uno show più interessante e meno monotono. La mancanza delle due attrattive extra invece va a togliere un pò di interesse ad un apertura invernale che necessiterebbe invece di un maggiore investimento sia a livello pubblicitario (tante pesone non sanno nemmeno che sia aperto il parco durante il periodo invernale), sia di attività extra da poter offrire agli ospiti in casi di meteo non favorevole. Anche in questo caso, così come nel periodo estivo, a salvare il parco dal baratro ci hanno pensato gli Show di altissimo livello sui quali, fortunatamente lo sciamano non è riuscito a lanciare la sua maledizione.

 

 

 

Mirko ci invia degli screen shot relativi ad un sondaggio che Gardaland sta inviando via mail a vari “fan” in merito ad un NUOVO HOTEL A TEMA.

La prima schermata ci rivela due possibili nomi della struttura e alcuni dettagli. Ve lo riportiamo di seguito:

Vola sulle ali della magia e lasciati trasportare nel mondo incantato dell’esclusivo Gardaland Enchanted hotel/Gardaland magic hotel.

All’arrivo resterai di stucco di fronte ad un gigantesco cappello da mago circondato da funghi magici, luci, giochi d’acqua ed effetti sonori ti accompagneranno nel regno della magia.

Ammira la reception che è un luogo davvero incantato, con la facciata a forma di caratteristico  cappello da mago.

All’interno troverai libri, pozioni, mantelli da mago e bacchette magiche e non potrà mancare un enorme calderone magico, pieno di strabilianti incantesimi!

Scegli tu da dove iniziare questo magico viaggio:

trasformati in un potente mago alle prese con pozioni e bacchette magiche, scopri la foresta incantata popolata da alberi parlanti, elfi e fate;

oppure avventurati nel mondo incantato dei ghiacci dove incontrerai magiche creature della neve

Le immagini allegate nelle varie fasi del sondaggio mostrano proprio ciò che è descritto maghi, pozioni, foreste incantate e mondi ghiacciati. Le immagini si riferiscono a famosi film e parchi relativi a questi mondi quali Harry Potter, Disneyland, Frozen etc…

Staremo a vedere se e dove sorgerà questo nuovo hotel e se le descrizioni corrisponderanno realmente al risultato. Diciamo ciò perchè anche il Gardaland Adventure Hotel avrebbe dovuto avere il “tutankHamon restaurant pieno di effetti speciali e di luci…ma poi il progetto è stato ridimensionato…

Tanti, d’atmosfera e tutti nuovi sono gli SHOW DI GARDALAND MAGIC WINTER 2017!

Si parte dal classico “welcome to gardaland magic winter” passando da “Fiocchi di fantasia” al Teatro della fantasia.

Il circo è protagonista anche in inverso nel Palatenda con “Prezzemolo Christmas Circus”.

“Auguri da Prezzemolo” è in scena al self service Aladino.

Al maestoso Gardaland theatre verrà messo in scena “ELFORIA” nel mondo di Babbo Natale.

Anche a Natale c’è il Doctor Medicine nella pizzeria Saloon.

Anche i corsari festeggiano il Natale sul grande Gaelone con lo show “Il Natale dei Corsari”! In più c’è il classico show dell’area Kunk Fu Panda.

Ma il clou della giornata sarà la WINTER PARADE, dalla piazza Ramses verso Fantasy kingdom,

e ILLUMINA LA MAGIA.
La suggestiva Cerimonia conclusiva di accensione del maestoso Albero di Prezzemolo. Tra musiche da sogno, canzoni eseguite live, una pioggia di colori
e luci scintillanti… ed una soffice, magica nevicata. Un appuntamento indimenticabile!

Aspettando magic winter 2017, riviviamo la passata edizione con le foto di Nicola!

Buona visione!!

Il Natale più magico: Gardaland Magic Winter. Dall’8 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018

Dall’8 dicembre 2017 al 7 gennaio 2018 torna, nel Parco Divertimenti N. 1 in Italia, Gardaland Magic Winter, l’evento che permette di vivere la magia del Parco anche nel periodo natalizio e di immergersi nell’atmosfera del Natale con allegria e tanto divertimento!

Il primo giorno d’apertura, venerdì 8 dicembre, tutti gli Ospiti che si presenteranno interamente vestiti da Babbo Natale potranno entrare nel Parco con soli 15 euro!

Gardaland Magic Winter prevede l’apertura delle principali attrazioni del Parco, una incantevole e fatata tematizzazione e tanti nuovissimi spettacoli sia itineranti che indoor. In piazza Valle dei Re non mancherà la scintillante pista di pattinaggio dove, da soli o in compagnia, sarà possibile fare qualche tranquillo giro in pista all’aria aperta e, una volta preso coraggio, tentare anche fantasiose piroette!  Nella stessa piazza sarà allestita anche un’area giochi sulla neve dedicata a tutti i bambini.

Nel tardo pomeriggio, per le vie del Parco, sarà possibile ammirare la coloratissima Winter Parade. 

E l’accensione dell’albero? Grande novità di questa edizione di Gardaland Magic Winter è l’accensione dell’Albero di Prezzemolo! Posizionato al centro di Fantasy Kingdom, il gigantesco albero – oltre 25 metri di altezza e altrettanti in larghezza – sarà decorato con luccicanti fili rossi, dorati e argentati e migliaia di luci colorate! E, alla base della maestosa realizzazione, così amata da grandi e bambini, sarà allestito un grande palco per un bellissimo coinvolgente show di fine giornatal’Accensione dell’Albero di Prezzemolo – al quale parteciperanno ballerini, cantanti, Babbo Natale e Prezzemolo. Lo spettacolo culminerà con una copiosa nevicata che coprirà tutta l‘area di Fantasy Kingdom e riempirà di stupore gli occhi di grandi e piccini.

Gardaland Magic Winter avrà inizio con il ponte dell’Immacolata – 8, 9 e 10 dicembre –  proseguirà nei week end del 16-17 e 23-24 dicembre e poi , ininterrottamente, dal 26 dicembre al 7 gennaio 2018 con apertura del Parco dalle 10.30 alle 18.00.

E per vivere al meglio la magia del Parco durante Gardaland Magic Winter, gli Hotel del Resort propongono fantastiche iniziative per offrire, a chi desidera trascorrere una breve vacanza, l’occasione di immergersi completamente nell’atmosfera di festa, tipica di questo magico periodo. In particolare, esiste la possibilità di accedere a vantaggiose offerte per soggiorni dal 7 dicembre al 6 gennaio 2018, esclusi i giorni 24-25, 30 e 31 dicembre e 1° gennaio 2018!

Per vivere al massimo la magia e l’avventura legate alle festività di Natale o del Capodanno sono già disponibili i pacchetti dedicati. Alcuni esempi:

 

GARDALAND ADVENTURE HOTEL – Pacchetto Gardaland Christmas Adventure 

Per vivere un’incredibile avventura tra i ghiacci del Polo Nord, nella fitta giungla inesplorata, nel selvaggio West o, ancora, nel palazzo di un sultano. Il pacchetto comprende: pernottamento di 2 notti, colazione a buffet presso Tutankhamon Restaurant, fornitura minibar all’arrivo, cena del 24/12 presso Tutankhamon Restaurant, pranzo del 25/12 presso Tutankhamon Restaurant, spettacolo del 25/12 presso Gardaland Theatre a Gardaland Park.

Pacchetto per minimo 2 notti per due adulti e un bambino 3-12 anni a partire da € 445,00 per notte.

 

GARDALAND ADVENTURE HOTEL – Pacchetto Gardaland Happy New Year, Iris Adventure 

Sarà possibile prendere parte ad un banchetto faraonico a Tutankhamon Restaurant e vivere un’esperienza sensazionale che condurrà verso affascinanti scoperte… Il pacchetto comprende: pernottamento di 2 notti, colazione a buffet presso Tutankhamon Restaurant, fornitura minibar all’arrivo, 1 cena presso Tutankhamon Restaurant il 30 dicembre o il 1° gennaio, cenone di San Silvestro del 31 dicembre presso Tutankhamon Restaurant, animazione e spettacolo del 31 dicembre.

Pacchetto per minimo 2 notti per due adulti e un bambino 3-12 anni a partire da € 732,50 per notte.

GARDALAND HOTEL –  Pacchetto Gardaland Merry Christmas

Sarà emozionante scoprire un luogo incantato dove sognare ad occhi aperti e dove poter trascorrere insieme alla famiglia un Natale indimenticabile! Mille luci, bellissime decorazioni, spettacoli e festeggiamenti natalizi per la gioia e il divertimento di tutti. Il pacchetto comprende: pernottamento di 2 notti (check-in 24/12), prima colazione internazionale a buffet presso Wonder Restaurant, allestimento della camera con simpatici palloncini (il giorno dell’arrivo), servizio mini bar incluso (il giorno dell’arrivo), speciale pranzo di Natale, show di Natale (in esclusiva per gli Ospiti di Gardaland Hotel) presso il Gardaland Theatre del Parco nel pomeriggio del 25 dicembre, 1 cena a buffet – bevande incluse – presso Wonder Restaurant.

Pacchetto per minimo 2 notti per due adulti e un bambino 3-12 anni a partire da € 340,00 per notte.

 

GARDALAND HOTEL – Pacchetto Gardaland Happy New Year 2018 – Agente Prezzemolo

La notte più intrigante dell’anno sta per arrivare a Gardaland Hotel con una tra le più divertenti operazioni di controspionaggio, sarà come immergersi in un vivace e lussuoso casinò!! Il pacchetto comprende: pernottamento di 2 notti con colazione a buffet presso Wonder Restaurant, fornitura minibar all’arrivo, trattamento all’Ozono della camera (all’arrivo), cena presso Wonder Restaurant il 30 dicembre o il 1°gennaio, cenone di San Silvestro il 31 dicembre, animazione e spettacolo del 31 dicembre.

Pacchetto per minimo 2 notti per due adulti e un bambino 3-12 anni a partire da € 627,50 per notte

Durante Gardaland Magic Winter il prezzo del biglietto, comprensivo di Gardaland Park e Gardaland SEA LIFE Aquarium, è di € 25,00 per l’intero e di € 22,00 per il ridotto. Altre vantaggiose opportunità di acquisto sul  sito www.gardaland.it.

 

Gardaland è pronto ad espandersi ulteriormente nel settore della ricettività turistica. Il 27 ottobre la società «Ronchi del Garda spa» ha depositato in Comune (per le eventuali osservazioni entro 30 giorni) il Piano urbanistico attuativo, (Pua), per la costruzione di un villaggio turistico, che andrà a svilupparsi su un’area di circa 82 mila metri quadrati in fascia a lago, in località Ronchi. Piano che la giunta municipale di Castelnuovo del Garda ha già adottato con una deliberazione il 9 ottobre.

Un progetto denominato «Gardaland bungalow village», che prevede un edificato di circa 40 mila metri cubi di «casette in muratura», (i moderni bungalow appunto), incastrate tra i terreni disegnati sulla carta dall’Amministrazione comunale di Castelnuovo a «parco del lago» e lo stesso parco divertimenti numero uno in Italia. Gardaland, dunque, punta sempre più ad includere nel «pacchetto» visitatori anche l’alloggio di presenza. Si è già dotato, infatti, di due Hotel tematici in via Derna e un terzo è già approvato alla costruzione. Ora vi aggiunge il villaggio turistico laterale al parco lungo via Verdi, la strada che dal cancello principale di ingresso al parco divertimenti, sulla strada Gardesana, prosegue fino alla riva del lago estendendosi su una superficie di 350 mila mq. Gardaland utilizzerà anche due terreni di proprietà comunale di circa 6 mila mq destinati a parcheggio dal piano regolatore di Castelnuovo. «In cambio, però – spiega il sindaco Giovanni Peretti – Gardaland cede al Comune 75 mila mq di terreni affacciati sulla riva per la realizzazione del “Parco del lago” municipale. L’accordo prevede, inoltre, che la volumetria concessa in origine venga dimezzata e le costruzioni vengano realizzate “a raso”, per non coprire il cono visivo del lago».

L’accordo di pianificazione urbanistica risale al 2005, con una deliberazione del Consiglio comunale. Diverse le tappe amministrative successive, fino alla data del 2015 quando è stato approvato definitivamente il secondo Piano degli interventi, in cui va ad inserirsi anche questo Pua. «È’ una pianificazione che risale alle vecchie Amministrazioni e che ci siamo trovati – premettono il sindaco e la sua vice anche assessore all’Urbanistica, Ilaria Tomezzoli –. Nel vecchio Piano regolatore ancora del 1998 Gardaland aveva già inserito in quell’area 85 mila metri cubi di zona turistico-ricettiva. Noi abbiamo dimezzato. Per fare il Parco del lago ci servono i terreni, che noi non abbiamo, quindi si sono fatti questi accordi urbanistici pubblico-privato».

C’è da ricordare, che Gardaland potrebbe in futuro andare a «gestire» anche il «Parco del lago», poiché Peretti ha sempre affermato che il Comune non dispone dei soldi per la gestione del polmone verde. Per questo motivo, nell’aprile 2016, la giunta municipale di Castelnuovo del Garda ha approvato uno studio di fattibilità per la realizzazione di un nuovo campo da golf che ricoprirebbe praticamente tutta l’area destinata nel Pat a «Parco del lago». E nella relazione è riportato anche il passaggio: «La vicinanza con il parco tematico Gardaland è una grande opportunità, poiché in tutto il mondo si sono costruiti golf all’interno dei parchi, come a Disney World (Florida) dove ve ne sono quattro …». Ma ora Peretti puntualizza: «Non c’è nulla di deciso. Si tratta solo di uno studio di fattibilità inserito nel piano triennale delle opere».

Nicola è il super nuovo componente del nostro staff. è un bravissimo operatore audiovisivo che ci “sommergerà” di foto bellissime del parco con curiosità, particolari, nuove foto dalle classiche attrazioni e di novità e aperture speciali.

Partiamo da più di 40 foto relative all’ultimo evento speciale ovvero GARDALAND MAGIC HALLOWEEN! Buona visione e BENVENUTO NICOLA!

Benedetta Parodi e Fabio Caressa hanno regalato ai figli ma anche a loro due una giornata, anzi due, di puro divertimento a Gardaland . L’occasione per la famiglia era Halloween ma soprattutto i due conduttori hanno festeggiato il compleanno della figlia Eleonora. Una famiglia bellissima e le foto di Benedetta Parodi e Fabio Caressa mostra non solo il divertimento di tutti ma la soddisfazione di condividere dei momenti così allegri. Nel suggestivo scenario del famoso parco di divertimenti La Parodi e Caressa con i figli Matilde, Eleonora e il piccolo Diego si sono goduti le attrazioni presenti, anche le più spericolate, i colori, le foto in posa e soprattutto i sorrisi. Il giornalista sportiva e la dolce esperta in cucina hanno raggiunto Gardaland il 31 ottobre per immergersi nell’atmosfera di Halloween. Gardaland Halloween Party, una festa organizzata per vivere la

serata più mostruosa dell’anno.

A dire il vero sembra che le attrazioni da adrenalina pura le abbia volute provare solo Caressa con i figli mentre Benedetta Parodi si è concessa solo quelle per la famiglia come le tazze rotanti Mr Ping’s Noodle Surprise all’interno dell’area Kung Fu Panda Academy. Il giornalista ha provato invece Oblivon – The Black Hole e Raptor.

Tra tante famiglie c’erano anche loro che hanno staccato la spina per godersi la famiglia e il regalo per tutti. Eleonora ha compiuto 13 anni e ha voluto un regalo speciale, con la famiglia c’erano anche le sue amiche più care. Anche la coppia è tornata indietro negli anni come accade a tutti quando si entra in un parco di divertimenti. I fan intanto possono continuare a seguire Benedetta Parodi protagonista di Domenica In su Rai 1 con la sorella Cristina.

Fonte: Unf

Gardaland pubblica la mappa 2017 di Magic winter 2017…ma notiamo che alcune attrazioni extra, che negli scorsi magic winter erano presenti, non saranno installate!

Nel dettaglio stiamo parlando di:

  • PISTA DISCESA COI GOMMONI
  • PISTA DISCESA COI GOMMONI BABY
  • IL GRANDE ALBERO DI NATALE.

Sono invece confermate:

  • LA CASA DI BABBO NATALE (quest’anno a Fantasy kingdom. Sull’albero di Prezzemolo?)
  • IL PRESEPE (all’ingresso del parco)
  • IL PLAYGROUND SULLA NEVE (piazza Ramses)
  • LA PISTE DI PATTINAGGIO SU GHIACCIO (piazza Ramses)

ATTRAZIONI NON DISPONIBILI MAGIC WINTER 2017:

  • Flying Island
  • Monorotaia
  • Fuga da Atlantide
  • Jungle rapids
  • Colorado Boat
  • Sequoia adventure
  • AREA SOUK.

Inferis, attrazione di dubbio successo inaugurata nel 2010 e restata per un paio d’anni nel parco dove ora è presente il Training Center di Oblivion, torna per tutti coloro che vogliono provarla. Ma non sarà all’interno del parco.

Infatti il 31 ottobre arriverà a Monserrato il famigerato labirinto del terrore.

Un percorso horror all’interno dell’inferno dantesco nel quale solo gli impavidi riusciranno ad uscirne vivi!
Il percorso si sviluppa attraverso 5 stanze e si percorre a piedi in gruppi che vanno dalle 8 alle 10 persone (vietato ai bambini di età inferiore ai 7 anni e inadatto a persone con problemi cardiaci, claustrofobiche ed epilettiche) della durata di 3 minuti dove sono presenti diverse scenografie horror come gabbie, strumenti di tortura, teste sanguinanti e un piccolo esercito di “spaventatori”.

La location scelta dagli organizzatori per il “viaggio della paura” è lo storico capannone di via Dell’Aeronautica, dimora da tanti anni della società cestistica P.G.S. Panda.

L’ingresso (a partire dalle 18) è a libera offerta.

L’attrazione già nel 2010 era stata pensata come itinerante da poter spostare negli altri parchi della catena o in altri eventi.