PESCHIERA DEL GARDA (Verona) Un campione per testare Shaman, la novità 2017 di Gardaland: Andrea Iannone, pilota del MotoGP per la scuderia Suzuki. Grazie ai visori per la realtà virtuale applicati alla montagna Russa del Parco, Shaman proporrà un’avventura immersiva dal prossimo 8 aprile. Classe 1989, Iannone, compagno di Belen, ama l’adrenalina e le nuove sfide: «Osa, osa sempre» è il suo motto. Guidato da un team di ingegneri e meccanici «professionisti del divertimento», il pilota si è lasciato trasportare in un’altra dimensione indossando i visori per la realtà virtuale. Al ritmo di una suggestiva musica sciamanica, indossato il visore, Iannone si è addentrato – un passo per volta – nel mondo degli spiriti degli Indiani d’America. Virtualmente trasportato sul dorso di un’aquila – anziché seduto sull’amata moto – Iannone ha affrontato la prima parte del percorso circondato da rocce e da imponenti totem simili a quelli delle Montagne Rocciose.

In un crescendo di emozioni e magia, tutti gli elementi del mondo fisico presenti all’interno della Realtà Virtuale, hanno preso vita; si sono materializzati così gli animali simbolo della cultura indiana con un orso e un’aquila per accompagnare la transizione dal mondo «reale» a quello degli spiriti attraverso il magico portale rappresentato da un acchiappasogni gigante. E poi via, giù in picchiata attraversando un viaggio. «Non mi aspettavo assolutamente che una montagna russa potesse fare questo effetto, mi sembrava davvero di essere sul dorso di un’aquila – ha detto Iannone -. La realtà virtuale, applicata alle montagne russe, è qualcosa di incredibile che non avevo ancora mai provato prima d’oggi»

Fonte: Corriere della Sera

Il Vittoriale e Gardaland, un connubio possibile?  La raffinata ed estrosa dimora di Gabriele D’Annunzio incrocia i suoi destini con quelli del regno dell’evasione consumistica, destinato al turismo per famiglie. La scommessa è del creativo direttore artistico del Vittoriale Giordano Bruno Guerri, nominato dal berlusconiano ministro Bondi e riconfermato da Franceschini in era Renzi per i successi traguardati dalla struttura a partire dal 2008: basti dire che il 2016 ha visto un incremento di presenze del 9,7%, risultato che nel 2017 si punta a consolidare.

Ma in che modo il Vate sarà presente tra le giostre di Gardaland? Anticipa Guerri: «Stiamo lavorando a una mostra permanente dedicata a d’Annunzio che sarà inaugurata a Gardaland, nel 2018. C’è da stupirsi? Non dimentichiamo che il ministero dei Beni Culturali è anche ministero del Turismo». Guerri vuole proiettare il personaggio verso i grandi numeri. La mostra dovrà essere «un’attrazione culturale strepitosa destinata ai genitori dei bambini, con un’attenzione particolare a giocattoli, maschere, abiti particolari, selezionati personalmente da me». Con uno scopo anche culturale: «Cambiare la percezione di Gabriele D’Annunzio da decadente protofascista a modernizzatore libertario era tra gli obiettivi che mi ero proposto. Togliere quella patina di decadente fascista dedito al lusso e al vizio. Scardinando contemporaneamente lo schema tragico che vede il poeta necessariamente triste e infelice». Dunque Gardaland offrirà al pubblico le testimonianze di vita quotidiana del Vate e delle sue donne: abiti, vestaglie, accappatoi, valigie, effetti personali, cimeli, oggetti.

D’ANNUNZIO SEGRETO – “Per rendere il senso del progetto – ha anticipato il direttore generale di “GardaMusei” – rimando a ‘d’Annunzio segreto’, il Museo allestito al Vittoriale sotto l’Anfiteatro. Anche Gardaland offrirà al pubblico le testimonianze di vita quotidiana del Vate e delle sue donne: abiti, vestaglie, accappatoi, valigie, effetti personali, cimeli, oggetti. Abbiamo moltissime cose da poter esporre. Un esempio? Ci sono 25 paia di scarpe appartenute al Poeta”. Parliamo quindi di due progetti, due luoghi di intrattenimento, che potranno farsi vicendevolmente del bene. Ora non ci resta che attendere il 2018 per vedere come si concretizzerà questa nuova alleanza.

Ma in agenda non c’è solo questo: a giugno il sito del Vittoriale ospiterà  una mostra dedicata ai profumi di  D’Annunzio (partner, Vidal); a settembre l’inaugurazione del Museo «L’automobile è femmina», che esporrà le auto del Vate. E poi convegni e concerti e ancora l’evento “Ho cercato l’armonia”, la mostra delle nuove sculture che, in occasione della Festa del Vittoriale dell’11 marzo, andranno ad arricchire lo straordinario giardino – “Parco d’Italia nel 2012 – che anno per anno si è popolato delle donazioni di grandissimi artisti come Mimmo Paladino, Arnaldo Pomodoro, Velasco Vitali e Mario Botta.

Fonte: il secolo d’Italia

Un gentilissimo Antonio Giarola, nuovo direttore artistico di Gardaland, risponde alle nostre domande sulle novità show 2017 di Gardaland!

Buona lettura!

Buonasera signor Giarola. volevo chiederle se le può far piacere rispondere ad alcune domande in merito agli show che sta preparando per la stagione 2017 di Gardaland park. Grazie

Volentieri

Grazie.Vorrei chiederle che tipo di show state preparando e se si ispirerà a qualcosa creato precedentemente o se partirà da zero.Inoltre abbiamo visto che ci sarà una nuova parata. di cosa si tratterà? Nuovi carri a tema?

Saranno molte le novità di quest’anno per quanto concerne le animazioni e gli spettacoli, in linea con quanto richiestomi dalla direzione generale.

Al Gardaland Theatre stiamo progettando uno spettacolo con oltre venti interpreti tra acrobati cinesi e ballerini. L’ultimo show a completo tema cinese, se non mi sbaglio, è stato fatto nel 2005 da Gianfranco Bollini nel circo. Ovviamente si tratta di uno spettacolo che è molto nelle mie corde avendo già lavorato in Cina più volte ed avendo realizzato uno spettacolo un po’ più piccolo per un parco a Madrid qualche anno fa…

Per quanto concerne il secondo main show, che verrà fatto al Palatenda (che non si chiamerà più Pararaptor), ho voluto creare un contrappunto leggero e decisamente comico con un artista straordinario: Kevin Huesca che canterà in live, ballerà e si esibirà con acrobazie di alto livello e con una performance di ventriloquismo di altissimo livello. Tutto ciò accompagnato da un corpo di ballo in stile varietà anni ’50.

Per quanto concerne la parata, ho chiesto e ottenuto di sganciarla dal solito stereotipo che ti costringe a mettere in campo tantissimo personale per avere un buon risultato, facendo invece un corteo sul tema del Dragone che verrà fatto danzare come avviene nei festival orientali.

Ma le novità si vedranno subito dal nuovo WELCOME all’entrata che quest’anno avrà musica e colori dedicati ai fiori….

Per quanto concerne gli show minori, posso dire che sono stati completamente rinnovati

Inoltre il “teatro delle marionette” diventerà il “Teatro della fantasia” nel quale sarà ancora protagonista Pass Pass con un nuovo repertorio in Chinese Style.

Ultime domande su gli show sul galeone corsaro e sul palco souk arabo.

Sul galeone e al Souk faremo un nuovo spettacolo ma sempre nello stile degli anni precedentiLa novità è che vi sarà un secondo spettacolo corsaro nella taverna.

Ah quindi dinner show per saloon e taverna?

Al saloon e taverna vi sarà uno spettacolo tematico di dieci minuti per gli ospiti che consumano al tavolo Ma vi saranno anche altre sorprese andando verso l’alta stagione. Ringrazio il dott. Vigevani e il dott. Santi per la fiducia accordatami.

Ritengo che Gardaland sia il Parco tematico più importante che abbiamo in Italia e farò in modo di introdurvi tutta la mia esperienza internazionale

E più avanti parleremo anche del ritorno di uno show anche al Palablù….

Ringraziamo ancora Antonio Giarola per la sua disponibilità e gentilezza e gli auguriamo un buon lavoro e un benvenuto nel mondo di Gardaland!