Complice la bella giornata e l’interesse che ormai da diversi anni suscita il parco addobbato per Halloween e il lungo ponte festivo, il 30 Ottobre ad oltrepassare i cancelli del parco sono state decine di migliaia di persone.

Lunghissime code all’interno di tutto il parco ma non solo, perché all’uscita dei parcheggi è andato in tilt l’intero traffico della zona con macchine bloccate per ore in attesa di uscire dai parcheggi. Ecco un articolo tratto dall’Arena.it relativo a questo ingorgo.

Traffico congestionato ieri nel basso lago, con code durate ore per guadagnare poche centinaia di metri. Giornata rovinata, quindi, per i molti che, visto il sole splendente e la mite temperatura, hanno deciso di raggiungere le sponde del Garda. E si sono ritrovati in un incubo: fermi, immersi nello smog e con figli stanchi e urlanti sui sedili posteriori. «Mai vista una cosa del genere, è peggio che in agosto», commentavano ieri gli automobilisti «inchiodati» sulla strada. E non è andata meglio a chi ha deciso di divertirsi a Gardaland. Tanto che molti hanno chiamato le forze dell’ordine per chiedere un intervento e alcuni hanno telefonato anche al nostro giornale, come Andrea Dal Zovo. «Sono fermo da un’ora e cinquanta nel parcheggio di Gardaland e sono riuscito a percorrere solo cinque metri», si è sfogato ieri alle 19.50. «Ho contattato anche i carabinieri di Peschiera, ma mi hanno detto che il traffico è congestionato fino all’autostrada e che c’è una coda stimata di tre ore.

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...