La Valle dei Re History

Una delle più belle attrazioni mai viste in Italia. Una dark ride innovativa ed unica nell’anno d’inaugurazione, ovvero il 1988.

L’attrazione, una delle più importanti del parco, fu soggetta ad un completo restyiling nel 2008 e fu trasformata  in “Ramses: il risveglio”, dark ride interattiva dove, tramite l’uso di una pistola laser, bisogna colpire dei bersagli luminosi e cercare di ottenere un buon punteggio. Il restyling fu quasi obbligato in quanto, con il cambiamento delle norme di sicurezza, l’attrazione, che ormai era sulla soglia dei 20 anni di attività, poteva risultare fuori norma. Venne quindi rifatto l’intero sistema elettrico e le scenografie presenti vennero rese ignifughe con speciali e costosi procedimenti.

Negli anni comunque, La Valle dei Re, subì alcune aggiunte. Una di queste fu il laser finale, che venne inserito molti anni dopo la sua apertura nel 1988. Anche le altre stanze furono leggermente modificate. Nel corso della sua storia l’attrazione subì un importante restyling 12 anni dopo la sua apertura.

Per esempio nella sala dove si trovava il rito di sacrificazione di una donna legata che giaceva sopra un pozzo di lava, una volta tale donna era in piedi e gridava aiuto e successivamente si vide la donna semi mummificata. Fu anche aggiunto il Faraone sul suo trono sollevato da 4 servitori, vennero aggiunti anche dei fantasmi proiettati su un telo trasparente per dare un effetto tridimensionale e molti altri cambiamenti/modifiche e aggiunte che è impossibile elencare e ricostruire storicamente dato che l’attrazione ha sempre avuto aggiunte e modifiche leggere nel corso di tutti gli anni della sua onorata carriera.

Nel 2000, il restyling dell’attrazione fu molto importante e riguardò l’intera struttura, vennero realizzati tutti gli abiti degli animatronici da zero, abiti realizzati dalla sartoria del parco, vennero sostituite e restaurate tutte le parti che in 12 anni si erano rovinate e furono ricolorate quasi tutte le scenografie presenti. In alcuni casi l’intervento di rehab fu radicale con la sostituzione di interi fondali e l’aggiunta di numerosi elementi decorativi e scenografie. Vennero rivalutati e inseriti diversi “Effetti speciali” come fiamme finte, nuovi laser e proiezioni 3d. Vennero inseriti gli Stargate all’inizio e alla fine del percorso per simulare il viaggio nel tempo. Venne rifatto anche l’intero impianto audio, completamente sostituito e ricreata l’intera colonna sonora dell’attrazione utilizzando anche musiche tratte dal film Stargate e Star Wars. Vennero inoltre aggiunti nuovi effetti sonori e rifatti e aggiunti numerosi dialoghi presenti lungo il percorso. Un importante intervento venne fatto alle quasi 70 figure animatroniche presenti, ripristinando tutti i programmi. Il Lavoro di rinnovo venne realizzato da più di 20 persone impegnate per 2 mesi di lavoro intenso.

Una volta il piazzale antistante l’attrazione era ben diverso. Nel centro v’era un’aiuola che da  area verde e floreale venne trasformata in un pezzo di deserto con obelisco e sabbia . Successivamente, per permettere di godere meglio dello spettacolo serale, questa aiuola fu  completamente eliminata. Si può vedere anche com’era differente il sentiero che porta all’attrazione, con aiuole floreali più ampie e meno curate, con antiestetiche mattonelle per separare il sentiero, e successivamente gli elefanti di siepe sono stati spostati vicino alle Magic Mountain mentre erano lungo il sentiero di collegamento delle due parti del parco.

La Facciata riproduce fedelmente il tempio di Abu Simbel in scala 1:2, praticamente la metà di quello originale. Per l’inaugurazione venne presentato lo spettacolo de “L’Aida” dell’arena di Verona, di fronte alla suggestiva facciata.