L’Insalata Divertente DimmidiSì ti regala un coupon valido per un INGRESSO OMAGGIO a Gardaland Park

orna la simpatica edizione limitata di DimmidiSì L’Insalata Divertente che ti regala un coupon* valido per un INGRESSO OMAGGIO a Gardaland Park!

E fino a fine ottobre scopri tutti gli altri prodotti DimmidiSì che ti regalano un ingresso omaggio* al Parco n. 1 in Italia: cercali nel banco frigo del reparto ortofrutta!

E quest’anno DimmidiSì, per la prima volta, è presente anche a Gardaland nella DOREMIFARM, la fattoria canterina ubicata nell’area di Fantasy Kingdom del Parco Divertimenti dove, tra mucche, maialini, oche, topini, galline e tenere pecorelle, i bimbi sperimenteranno la vita di campagna in allegria! Buon divertimento!

* coupon valido per un INGRESSO OMAGGIO a Gardaland Park – a fronte dell’acquisto di 2 biglietti a tariffa intera diurna alle biglietterie del Parco.

Perla D’Oriente è il nuovo show presentato all’interno del, sempre maestoso, Gardaland Theatre. Appena varcate le porte d’ingresso del teatro si comincia già a respirare un aria orientale con alcuni decori a tema, posizionati nel foyer e, vicino alle scale che portano alla sala regia, è appeso un dragone tipico delle parate orientali.

Il Theatre, all’interno si presenta nella sua forma più semplice, nessun decoro sul palco tranne un evocativo riempimento dei due spazi a bordo palco utilizzati da “Rebellion” per nascondere le finte piante gonfiabili. In questo caso è stato creato una specie di laghetto (finto) con ninfee e lanterne galleggianti. Diciamo sin da subito che siamo entrati con un po’ di timore nell’assistere a questo nuovo show in quanto, con il cambio completo di regia e del cast artistico e con la paura di un “Rebellion 2 in salsa orientale” eravamo di fronte ad un grande punto interrogativo, con in fondo però la speranza di assistere ad un grande spettacolo, un po’ rincuorati anche dalla visione, qualche ora prima, di Romeo le Formidable (a cui dedicheremo la nostra recensione nei prossimi giorni).  Abbiamo da subito notato come il teatro sia stato “ripulito” nel suo impianto illuminoscenic; meno luci presenti, spariti i proiettori videomapping (tranne quello centrale) e questo ci ha sorpreso e vi anticipiamo già che tutto ciò che è stato “tolto” dagli spettacoli precedenti, dona grande forza a Perla D’Oriente.

Durante l’attesa d’inizio show, il sempre mitico Pas Pas allieta il pubblico con le sue gag, ma è proprio quando comincia lo spettacolo che c’è il primo grande cambiamento. Il comico Pas Pas diventa parte attiva della storia e non ha più solo il ruolo d’intrattenitore pre-spettacolo. E’ proprio lui a raccogliere la grande perla luminosa per consegnarla alla regina e sarà proprio Pas Pas a permettere alla Perla di aprire uno scrigno dal quale uscirà un dragone che ci porterà nell’atmosfera e nelle meraviglie del mondo antico orientale.

In questa prima parte torna il videomapping ma il suo utilizzo è funzionale all’introduzione e ottimamente inserito nel contesto e non utilizzato come semplice orpello grafico per creare stupore. Guardando lo spettacolo si nota subito una mancanza: la trama non esiste, o meglio, la trama non è raccontata. Starà a noi costruirla e interpretarla in base alle emozioni che gli artisti sapranno darci; nessuna voce narrante ci guiderà lungo i 25 minuti di spettacolo, solo musiche, luci e tante, tante meraviglie.

Una volta che lo scrigno viene aperto e il drago liberato si viene subito trasportati nell’antico oriente attraverso l’ingresso sul palco di Gheishe con grandi ventagli che danzeranno mentre una lunga processione scende dalle tre scale del teatro dirigendosi verso il palcoscenico con delle grandi lanterne luminose. Si nota sin da subito la qualità e la cura per ogni abito che è stato realizzato appositamente per questo spettacolo. Da qui in avanti è un continuo caleidoscopio di emozioni e divertimento grazie ad un susseguirsi di numeri circensi e balletti che non cercano di meravigliare lo spettatore con magie o strani macchinari fantascientifici ma semplicemente riportano lo show nella sua essenza più pura: l’abilità e l’impegno degli artisti circensi a favore del coinvolgimento del pubblico con atmosfere non claustrofobiche bensì di “festa”.

Ecco quindi alternarsi artisti che propongono numeri di equilibrismo con vasi ming, di giocoleria con cappelli di paglia, danze con nastri e molto altro ancora. A questi numeri si alternano sequenze di intermezzo davvero piacevoli come l’ingresso in scena di un “Cane/Dragone” che seguirà il suo padrone che regge una palla in mano, per giocare assieme a lui, oppure un suggestivo passo a due, dove la ballerina verrà sollevata attraverso un imbracatura, per permettere delle movenze ispirate a film come “La foresta dei Pugnali Volanti”.
Proprio da questo balletto si capisce come con questo show, ogni elemento in scena è funzionale a ciò che gli autori ci vogliono raccontare senza voler esagerare e questo permette di mantenere una grande coerenza dall’inizio alla fine, lasciando la voglia di tornare a vederlo nuovamente.

Con le dovute proporzioni, in alcuni frangenti lo spettacolo ci ha portato alla mente Cirque du Soleil e questo è un grandissimo punto a favore per Perla D’Oriente.

In Conclusione, a nostro avviso, questo Show 2017 del Gardaland Theatre è un gradito ritorno alle origini degli spettacoli, che si sposano alla perfezione con i Parchi Divertimento ed è un reset completo di quanto eravamo abituati a vedere ma che forma delle basi molto solide per gli spettacoli futuri.

Perla D’oriente è un meraviglioso viaggio nella suggestiva cultura orientale, fatto di stupore e tante emozioni, in grado di meravigliare lo spettatore e lasciando la voglia di scoprire di più su questo popolo così lontano da noi.

Una tappa obbligatoria, quindi, durante la visita al parco

Fonte foto show: Proeventi

 

Iniziata la stagione 2017 dopo il successo di quella 2016, Gardaland guarda al futuro, e se una delle novità per il 2018 sarà la collaborazione con Il Vittoriale per portare una piccola mostra permanente dedicata a Gabriele D’Annunzio all’interno del parco, per il 2019 è previsto un Villaggio Turistico sulle rive del Lago adiacente al parco divertimenti. Non si sanno ancora i dettagli o come sarà realizzato ma dalle poche parole dell’amministratore delegato Aldo Maria Vigevani crediamo possa essere una sorta di Disney Village o, in questo caso di Gardaland Village.

In futuro, anche se non per il 2019, è previsto anche un terzo Hotel, ma bisognerà aspettare un pò più a lungo.

Ecco un interessante articolo legato al recente successo del parco, del suo futuro e dell’aumento dei visitatori e i mercati che cerca di attrarre.

 

Archiviato il 2016 con un incremento del 3 per cento negli arrivi (oltre 3 milioni in totale), Gardaland dà il via al suo 42esimo anno di attività con alcune novità di prodotto e una promessa: l’apertura, nel 2019, del primo villaggio turistico collegato con il parco.

L’annuncio è stato dato dall’amministratore delegato Aldo Maria Vigevani nel corso della giornata di riapertura del complesso: “Non sarà ovviamente un villaggio turistico come siamo abituati a intenderli – ha spiegato il manager – con i clienti che arrivano e ‘vivono’ all’interno del villaggio. Sarà un’area collegata con Gardaland, in riva al lago, con la quale noi punteremo piuttosto a fare ‘uscire’ dal villaggio i clienti. Ovviamente per portarli più volte nel parco con pacchetti studiati ad hoc”.  Discorso diverso invece per il terzo hotel, dopo quello inaugurato lo scorso anno, per il quale bisognerà attendere più a lungo.

Crescono i visitatori esteri
Vigevani ha inoltre posto l’accento sulla componente straniera dei visitatori, arrivata al 30 per cento del totale degli ingressi; cifra che sale al 45 per cento per quanto riguarda i pernottamenti negli hotel (contro il 10 per cento del 2005). E sta diventando sempre più importante anche la ricaduta occupazionale, in continua crescita anno dopo anno, grazie all’aggiunta di nuove attrazioni e all’aumento del ricettivo: “Quest’anno a pieno regime – ha spiegato l’a. d. – avremo 1.550 addetti, mentre ora in bassa stagione partiamo con 900 persone”.

Intanto, per quanto riguarda le novità del 2017, Gardaland guarda alla realtà virtuale con la montagna russa Shaman. Una new entry protagonista in negativo nella giornata inaugurale (“Il fornitore non ha rispettato i tempi” ha spiegato con imbarazzo Vigevani nel corso della conferenza stampa), funestata anche dall’incidente tecnico all’impianto elettrico, che ha determinato un intervento di emergenza sull’attrazione Sequoia e lo stop alle varie ‘giostre’ per circa un’ora. Poi il 2017 di Gardaland ha definitivamente preso il via.

 

Fonte: TTG Italia

Gardaland ha avvisato tutti i suoi utenti attraverso Facebook e il proprio sito Internet che Shaman, novità 2017, non sarà disponibile a causa di problemi tecnici legati alla realtà virtuale.

Il Coaster sarà comunque utilizzabile ma senza i visori. I Visitatori potranno godere comunque degli elementi scenografici reali posizionati nell’area di Magic Mountain, come il grande acchiappa sogni.

Non appena il problema sarà risolto verrà comunicato sia attraverso il sito, sia nella pagina Facebook e anche nel nostro sito. Se il problema verrà risolto entro sabato ovviamente i visitatori potranno provare l’esperienza virtuale anche dal primo giorno, ma allo stato attuale e proprio con questo comunicato le speranze sono assai poche.

[UPDATE]Trovato online da GardalandTribe.com lo spot tv di Gardaland 2017 – Shaman da 30″ con un giorno d’anticipo. 

GARDALAND DA DOMANI IN ONDA PER SHAMAN. BUDGET A +5% RISPETTO AL 2016

Frame dello spot Gardaland 2017 – Shaman

Aprirà i battenti sabato 8 aprile la nuova stagione di Gardaland, il parco nei pressi del Lago di Garda del gruppo MerlinEntertainments.

La novità del 2017 è Shaman, la montagna russa con la realtà virtuale che accompagna gli ospiti del parco in un viaggio emozionante attraverso il misterioso mondo degli spiriti dove verranno in contatto con leggendari spiriti guardiani, uno spirito malvagio e con lo sciamano stesso.

Il lancio della nuova attrazione è firmato da Tbwa\Manchester, agenzia di riferimento del parco dal 2013, che  ha lavorato allo spot televisivo di 30”, dal titolo ‘Scopri il tuo spirito d’avventura’ assieme al regista italiano Dario Piana per sfidare gli spettatori a scoprire il loro spirito d’avventura.

Luca Marigo
Sales and Marketing Director

Luca Marigo, direttore sales & marketing di Gardaland, spiega a Today Pubblicità Italia: “Lo spot, nei tagli da 30” e 15”, sarà in onda dal 5 al 22 aprile per coprire l’apertura, i giorni di Pasqua e lanciare il ponte del 25 aprile. Successivamente saremo on air con un secondo flight a metà giugno per tre settimane, per la partenza dell’alta stagione”.

La pianificazione, a cura di Mediacom, coinvolgerà diverse emittenti generaliste a partire da Mediaset, poi canali di Sky, Vimni e Discovery.

“La tv assorbe il 60-65% del nostro budget  – prosegue Marigo – per il resto comunichiamo attraverso il digital, in particolare nella fase di prelancio, poi su outdoor e radio in particolare a livello locale”.

Nel complesso, nel 2017 il budget per la comunicazione del parco avrà un incremento del 5% circa rispetto ai 2,5 milioni del 2016.

“Il lancio di questa attrazione è molto significativo – conclude Marigo- perché si rivolge ad entrambi i nostri target di riferimento: quello dei giovani 15-25 enni in cerca di adrenalina e quello delle famiglie, che rappresenta circa i due terzi del nostro pubblico”.

Fergus McCallum, ceo di Tbwa\Manchester ha commentato: “È bellissimo poter lavorare con un brand internazionale quale Merlin Entertainments, saremo dunque entusiasti di poter continuare in futuro questa forte partnership con Gardaland con ulteriori campagne”.

Con la direzione creativa esecutiva di Gary Fawcett & Lisa Nichols hanno lavorato l’art Laura Wood e il copy Rickie Marsden. La regia è di Dario Piana per la casa di produzione Happy Means Content.


FONTE:pubblicitaitalia.it

ARTICOLO DI Laura Buraschi

PESCHIERA DEL GARDA (Verona) Un campione per testare Shaman, la novità 2017 di Gardaland: Andrea Iannone, pilota del MotoGP per la scuderia Suzuki. Grazie ai visori per la realtà virtuale applicati alla montagna Russa del Parco, Shaman proporrà un’avventura immersiva dal prossimo 8 aprile. Classe 1989, Iannone, compagno di Belen, ama l’adrenalina e le nuove sfide: «Osa, osa sempre» è il suo motto. Guidato da un team di ingegneri e meccanici «professionisti del divertimento», il pilota si è lasciato trasportare in un’altra dimensione indossando i visori per la realtà virtuale. Al ritmo di una suggestiva musica sciamanica, indossato il visore, Iannone si è addentrato – un passo per volta – nel mondo degli spiriti degli Indiani d’America. Virtualmente trasportato sul dorso di un’aquila – anziché seduto sull’amata moto – Iannone ha affrontato la prima parte del percorso circondato da rocce e da imponenti totem simili a quelli delle Montagne Rocciose.

In un crescendo di emozioni e magia, tutti gli elementi del mondo fisico presenti all’interno della Realtà Virtuale, hanno preso vita; si sono materializzati così gli animali simbolo della cultura indiana con un orso e un’aquila per accompagnare la transizione dal mondo «reale» a quello degli spiriti attraverso il magico portale rappresentato da un acchiappasogni gigante. E poi via, giù in picchiata attraversando un viaggio. «Non mi aspettavo assolutamente che una montagna russa potesse fare questo effetto, mi sembrava davvero di essere sul dorso di un’aquila – ha detto Iannone -. La realtà virtuale, applicata alle montagne russe, è qualcosa di incredibile che non avevo ancora mai provato prima d’oggi»

Fonte: Corriere della Sera

Il Vittoriale e Gardaland, un connubio possibile?  La raffinata ed estrosa dimora di Gabriele D’Annunzio incrocia i suoi destini con quelli del regno dell’evasione consumistica, destinato al turismo per famiglie. La scommessa è del creativo direttore artistico del Vittoriale Giordano Bruno Guerri, nominato dal berlusconiano ministro Bondi e riconfermato da Franceschini in era Renzi per i successi traguardati dalla struttura a partire dal 2008: basti dire che il 2016 ha visto un incremento di presenze del 9,7%, risultato che nel 2017 si punta a consolidare.

Ma in che modo il Vate sarà presente tra le giostre di Gardaland? Anticipa Guerri: «Stiamo lavorando a una mostra permanente dedicata a d’Annunzio che sarà inaugurata a Gardaland, nel 2018. C’è da stupirsi? Non dimentichiamo che il ministero dei Beni Culturali è anche ministero del Turismo». Guerri vuole proiettare il personaggio verso i grandi numeri. La mostra dovrà essere «un’attrazione culturale strepitosa destinata ai genitori dei bambini, con un’attenzione particolare a giocattoli, maschere, abiti particolari, selezionati personalmente da me». Con uno scopo anche culturale: «Cambiare la percezione di Gabriele D’Annunzio da decadente protofascista a modernizzatore libertario era tra gli obiettivi che mi ero proposto. Togliere quella patina di decadente fascista dedito al lusso e al vizio. Scardinando contemporaneamente lo schema tragico che vede il poeta necessariamente triste e infelice». Dunque Gardaland offrirà al pubblico le testimonianze di vita quotidiana del Vate e delle sue donne: abiti, vestaglie, accappatoi, valigie, effetti personali, cimeli, oggetti.

D’ANNUNZIO SEGRETO – “Per rendere il senso del progetto – ha anticipato il direttore generale di “GardaMusei” – rimando a ‘d’Annunzio segreto’, il Museo allestito al Vittoriale sotto l’Anfiteatro. Anche Gardaland offrirà al pubblico le testimonianze di vita quotidiana del Vate e delle sue donne: abiti, vestaglie, accappatoi, valigie, effetti personali, cimeli, oggetti. Abbiamo moltissime cose da poter esporre. Un esempio? Ci sono 25 paia di scarpe appartenute al Poeta”. Parliamo quindi di due progetti, due luoghi di intrattenimento, che potranno farsi vicendevolmente del bene. Ora non ci resta che attendere il 2018 per vedere come si concretizzerà questa nuova alleanza.

Ma in agenda non c’è solo questo: a giugno il sito del Vittoriale ospiterà  una mostra dedicata ai profumi di  D’Annunzio (partner, Vidal); a settembre l’inaugurazione del Museo «L’automobile è femmina», che esporrà le auto del Vate. E poi convegni e concerti e ancora l’evento “Ho cercato l’armonia”, la mostra delle nuove sculture che, in occasione della Festa del Vittoriale dell’11 marzo, andranno ad arricchire lo straordinario giardino – “Parco d’Italia nel 2012 – che anno per anno si è popolato delle donazioni di grandissimi artisti come Mimmo Paladino, Arnaldo Pomodoro, Velasco Vitali e Mario Botta.

Fonte: il secolo d’Italia

Un gentilissimo Antonio Giarola, nuovo direttore artistico di Gardaland, risponde alle nostre domande sulle novità show 2017 di Gardaland!

Buona lettura!

Buonasera signor Giarola. volevo chiederle se le può far piacere rispondere ad alcune domande in merito agli show che sta preparando per la stagione 2017 di Gardaland park. Grazie

Volentieri

Grazie.Vorrei chiederle che tipo di show state preparando e se si ispirerà a qualcosa creato precedentemente o se partirà da zero.Inoltre abbiamo visto che ci sarà una nuova parata. di cosa si tratterà? Nuovi carri a tema?

Saranno molte le novità di quest’anno per quanto concerne le animazioni e gli spettacoli, in linea con quanto richiestomi dalla direzione generale.

Al Gardaland Theatre stiamo progettando uno spettacolo con oltre venti interpreti tra acrobati cinesi e ballerini. L’ultimo show a completo tema cinese, se non mi sbaglio, è stato fatto nel 2005 da Gianfranco Bollini nel circo. Ovviamente si tratta di uno spettacolo che è molto nelle mie corde avendo già lavorato in Cina più volte ed avendo realizzato uno spettacolo un po’ più piccolo per un parco a Madrid qualche anno fa…

Per quanto concerne il secondo main show, che verrà fatto al Palatenda (che non si chiamerà più Pararaptor), ho voluto creare un contrappunto leggero e decisamente comico con un artista straordinario: Kevin Huesca che canterà in live, ballerà e si esibirà con acrobazie di alto livello e con una performance di ventriloquismo di altissimo livello. Tutto ciò accompagnato da un corpo di ballo in stile varietà anni ’50.

Per quanto concerne la parata, ho chiesto e ottenuto di sganciarla dal solito stereotipo che ti costringe a mettere in campo tantissimo personale per avere un buon risultato, facendo invece un corteo sul tema del Dragone che verrà fatto danzare come avviene nei festival orientali.

Ma le novità si vedranno subito dal nuovo WELCOME all’entrata che quest’anno avrà musica e colori dedicati ai fiori….

Per quanto concerne gli show minori, posso dire che sono stati completamente rinnovati

Inoltre il “teatro delle marionette” diventerà il “Teatro della fantasia” nel quale sarà ancora protagonista Pass Pass con un nuovo repertorio in Chinese Style.

Ultime domande su gli show sul galeone corsaro e sul palco souk arabo.

Sul galeone e al Souk faremo un nuovo spettacolo ma sempre nello stile degli anni precedentiLa novità è che vi sarà un secondo spettacolo corsaro nella taverna.

Ah quindi dinner show per saloon e taverna?

Al saloon e taverna vi sarà uno spettacolo tematico di dieci minuti per gli ospiti che consumano al tavolo Ma vi saranno anche altre sorprese andando verso l’alta stagione. Ringrazio il dott. Vigevani e il dott. Santi per la fiducia accordatami.

Ritengo che Gardaland sia il Parco tematico più importante che abbiamo in Italia e farò in modo di introdurvi tutta la mia esperienza internazionale

E più avanti parleremo anche del ritorno di uno show anche al Palablù….

Ringraziamo ancora Antonio Giarola per la sua disponibilità e gentilezza e gli auguriamo un buon lavoro e un benvenuto nel mondo di Gardaland!

Scriviamo a Gardaland che, cortesemente, ci risponde dandoci nuove interessanti info sulla nuova stagione!! Buona lettura

  • GardalandTribe Su altre pagine abbiamo letto di un nuovo ristorante al posto dell’ex “4D adventure”. Ci potete dare maggiori info magari sul tema o sul nome?  Gardaland: L’attrazione “The Spectacular Adventure Cinema” diventerà una brasserie. Il nome sarà  T-REXtaurant.
  • GT Ci saranno altre novità nella ristorazione o negozi? G: Un’altra novità consiste nel restyling del bar Aladino che diventerà Aladino Coffee Bar e offrirà un’amplia scelta di tipologie differenti di caffè.
  • GT Qualche news in merito a Shaman? Info su scenografia, punto vendita o altre info particolari?  G: Le scenografie di Shaman sono caratterizzate da elementi che rimandano al mondo dei nativi Americani e all’ambiente delle Montagne Rocciose: rocce, totem indiani scolpiti nel legno a simboleggiare gli animali guida, pelli decorate, l’enorme catturasogni, treni in simil-legno
  • GT Molti si chiedono come sarà gestita l’igenizzazione dei vari visori nel passaggio tra un visitatore e l’altro…questione simile a quella degli occhiali 3D di qualche anno fa sia per il parco che, in generale, nei cinema. G: I visori saranno dotati di una soluzione removibile monouso.
  • GT Per caso ci sono info sulle sistemazioni scenografiche per il ritorno di Time voyagers? Tra l’altro la notizia è stra apprezzata da tutti online!  G:Ci fa piacere che la gente sia contenta per il ritorno di Time Voyagers! Non siamo purtroppo al corrente delle sistemazioni scenografiche.
  • GT Ci saranno novità scenografiche per l’area ortobruco tour, peter pan e super baby per essere in linea con l’area orientale che si sta creando?G: Non ne siamo al corrente ma, in tutta onestà, non crediamo, almeno non quest’anno.
  • GT ci potete dire se ci saranno interventi in area “piazza egitto” come ci scrivevate mesi fa e in che consisteranno?G:La piazza Valle dei Re sarà oggetto di lavori come molte altre aree del Parco. Non tutti i lavori di mantenimento o miglioria sono lavori che “stravolgono” l’area e/o la singola attrazione/bar o negozio…
  • GT ci saranno restauri importanti per Fuga da Atlantide? e per altre attrazioni o aree?G: Come scritto nella risposta precedente, più o meno tutto il Parco è – ogni anno – interessato da lavori che non sempre, però, sono poi visibili agli Ospiti. Per ciò che concerne Fuga da Atlantide, non sono se sarà oggetto di restauri importanti. Altre aree interessate da significativi interventi sono la zona dell’Antico Feudo, parte del Villaggio West, il Bar Aladino, The Spectacular Adventure,…oltre, ovviamente a Shaman.
  • GT ci puoi svelare qualche info sugli show 2017? Abbiamo letto di uno show a tema orientale e uno con un ventriloquo.G: Ad oggi le informazioni che il Settore Artistico ha fornito relativamente agli spettacoli sono quelle che avete potuto leggere nel comunicato stampa.
  • GT abbiamo letto di un nuovo utilizzo del vecchio Palablù in estate? di cosa si tratterà? G: come recita un noto spot televisivo “l’attesa del piacere è essa stessa piacere”
  • GT ci sarà l’atteso ritorno di una parata con nuovi carri? G:probabilmente no.
  • GT ci potete dare un’idea del successo o insuccesso delle novità ristorazione come Sushi restaurant e locanda del Corsaro nero sul nuovo galeone?G:Entrambi i ristoranti – in particolar modo la Trattoria di Capitan Hook- sono stati molto apprezzati dai ns.Ospiti.
  • GT Ci sembra che la nuova area di kung fu panda sia molto piaciuta agli ospiti.  G: L’area è piaciuta moltissimo soprattutto al target di riferimento (famiglie con bambini piccoli) e non solo.
}