Francesca Senette, 42 anni, è da poco tornata in tv con “YoYoga!” su DeaJunior, canale 623 di Sky, ma nonostante gli impegni di lavoro è riuscita a ritagliarsi una giornata a Gardaland insieme al marito Marcello Forti e ai due figli, Alice di 11 anni e Tommaso di 4. Con loro anche un’amichetta della primogenita.

Francesca a Gardaland si è divertita un mondo. Durante la visita al parco-giochi ha fatto un giro sulle montagne russe e si è anche scattata un selfie con i fan. La Senette insieme ai bambini è a suo agio e ora si occupa di loro pure per lavoro: la sua nuova trasmissione infatti ha l’obiettivo di spiegare ai più piccini l’arte dello yoga. Una disciplina per tutte le età che fa bene al corpo e alla mente.

Francesca Senette è una mamma attenta e premurosa. Ci tiene che i figli seguano una sana alimentazione e  facciano attività fisica. Le foto scattate a Gardaland sono sicuramente la prova che è riuscita insieme al marito a costruire una famiglia felice e armoniosa.
Tutta la family si è divertita anche con il simpatico Prezzemolo e su attrazioni acquatiche come Raptor. Il piccolo Tommaso ha potuto giocare nelle aree dedicate ai bimbi della sua età con Kung Fu Panda Academy e Fantasy Kingdom.

Fonte – Gossip.it

Dopo il grande successo dello scorso anno, anche quest’anno è stato organizzato il Gardaland Magic Circus, l’originale kermesse che porta, nel parco divertimenti sul lago di Garda, l’affascinante mondo del circo. Fino a domenica 21 maggio allegri clown, impavidi acrobati, bizzarri trampolieri, abili trasformisti e fantasiosi giocolieri trasformeranno il Parco in un fantastico circo a cielo aperto. Per nove intense giornate,si potrà vivere la magia e il divertimento di Gardaland, immersi nello scenografico mondo del circo animato dalla presenza di artisti di fama internazionale. Momento clou di ogni giornata è il Gardaland Circus Show: un fantastico spettacolo della durata di 25 minuti che rende omaggio al mondo del circo e alle sue affascinanti discipline. Si tratta di un tipico show circense, ricco di fascino, colori e magia che si svolge presso il Palatenda e al quale partecipa Riki Piller, presentatore e figura storica dell’American Circus della famiglia Togni. Lo show offre incredibili variazioni acrobatiche ed aeree, momenti di giocoleria, contorsionismo e poesia. Tra i protagonisti l’artista Olesia Shulga, oro al Festival di Montecarlo, che si esibisce con il suo magico cerchio aereo incantando gli spettatori. Il giorno clou della kermesse sarà oggi sabato 20 maggio quando Arturo Brachetti, maestro indiscusso di quick change, eclettico artista di fama internazionale, vestirà i panni di gran cerimoniere di Gardaland Magic Circus per premiare una grande artista, unica nel mondo dello spettacolo circense internazionale: Liana Orfei. «Tutti noi amiamo il circo, questo spettacolo antichissimo in continua trasformazione, proprio come me! Uno spettacolo popolato da personaggi curiosi, eterni, incredibili come Liana Orfei», ha raccontato Brachetti di passaggio a Gardaland. Liana Orfei, che quest’anno compie 80 anni, è un’artista poliedrica, scoperta da Federico Fellini nel 1958; è stata attrice cinematografica, teatrale e televisiva ma ha sempre incarnato e rappresentato il mondo del circo nel mondo.

Pubblichiamo il comunicato stampa incentrato su Gardaland Magic circus 2017.

Dopo il grande successo dello scorso anno torna Gardaland Magic Circus, l’originale kermesse che porta nel Parco Divertimenti N. 1 in Italia l’affascinante mondo del circo.
Dal 13 al 21 maggio allegri clown, impavidi acrobati, bizzarri trampolieri, abili trasformisti e fantasiosi giocolieri trasformeranno il Parco in un fantastico circo a cielo aperto. Per nove intense giornate, tutti gli Ospiti del Parco potranno vivere la magia e il divertimento di Gardaland, immersi nello scenografico mondo del circo animato dalla presenza di artisti di fama internazionale. Immancabili gli spettacoli di burattini, le suggestive bolle di sapone giganti, i curiosi mimi e i variopinti pappagalli, capaci di stupire piccoli e grandi Ospiti.

Come sempre in occasione di un evento particolare, durante il primo giorno di apertura sarà possibile entrare a Gardaland al prezzo speciale di 15,00 euro; per usufruire dell’agevolazione basterà presentarsi al Parco completamente vestiti a tema: cilindro, camicia con gilet, papillon e baffi per trasformarsi in un perfetto domatore; trucco facciale o maschera o costume completo per fingersi uno splendido animale oppure una buffa parrucca, naso rosso, papillon o cravattone e abiti colorati per diventare un simpaticissimo clown.

Ogni mattina, all’apertura del Parco, la celebre mascotte Prezzemolo darà il benvenuto agli Ospiti indossando i panni di un elegantissimo direttore di circo.
Il pubblico sarà continuamente coinvolto in attività circensi: di fronte al Teatro della Fantasia, un artista insegnerà ai bambini l’arte della giocoleria; in piazza Valle dei Re Carlo e Ornella del duo Bogino coinvolgeranno i bambini rendendoli protagonisti di un vero e proprio mini-spettacolo; un carro, trainato da un cavallo, si sposterà nel Parco invitando gli Ospiti a salire a bordo.

Momento clou della giornata sarà il Gardaland Circus Show: presso il Palatenda sarà messo in scena un fantastico spettacolo della durata di 25 minuti che rende omaggio al mondo del circo e alle sue affascinanti discipline. Sarà uno show tradizionale ricco di fascino, colori e magia al quale parteciperà Riky Piller, presentatore e figura storica dell’American Circus della famiglia Togni. Lo show offrirà incredibili variazioni acrobatiche e aeree, momenti di giocoleria, contorsionismo e poesia. Tra i protagonisti, l’artista Olesia Shulga, che si esibirà con il suo magico cerchio aereo incantando gli spettatori. Vincitrice dell’oro al Festival del Circo di Monte-Carlo, l’artista si è esibita per anni nello spettacolo Quidam del Cirque du Soleil. Imperdibili anche le esibizioni degli altri artisti, tutti noti a livello internazionale: l’eccentrico ventriloquo Kevin Huesca coinvolgerà il pubblico per le sue esibizioni originali ed esilaranti; la contorsionista Suellen Sforzi stupirà gli spettatori con le sue abilità; Shirley Lizzi si esibirà con un numero di giocoleria classica; l’antipodista Ornella Marana con il marito Carlo Bogino sorprenderanno gli Ospiti con i loro numeri; Manuela, della scuderia di Alessio Fochesato – uno dei migliori addestratori di pappagalli d’Europa – affascinerà grandi e piccini con i suoi simpatici pappagalli.

Al termine di ogni giornata, alle 17.40, una festosa e colorata parata attraverserà le vie del Parco; saranno presenti tutti i bravissimi artisti circensi, il corpo di ballo e la “Magic Circus Brass Band”. L’allegra Parata partirà da piazza Camelot e arriverà in piazza Valle dei Re.Durante i 9 giorni di GARDALAND MAGIC CIRCUS il Parco sarà aperto dalle 10.00 alle 18.00, ad eccezione di sabato 20 maggio quando chiuderà alle 22.00 (previsto anche il biglietto serale dalle 18 alle 22 a 20€) con uno spettacolo a sorpresa e la partecipazione di Ospiti eccezionali.

Per potersi immergere completamente nel mondo circense di Gardaland e non perdere le sue fantastiche esibizioni, perché non soggiornare in uno dei due hotel, Gardaland Hotel o Gardaland Adventure Hotel? A Gardaland Hotel, per esempio, una notte in camera standard, 2 adulti e 1 bambino (dai 3 ai 12 anni) e colazione a buffet inclusa ha un costo a partire da 231,00 euro.
Gardaland Adventure Hotel, invece, propone – a partire da 260,00 euro – il pernottamento di una notte in una stanza tematizzata a scelta con colazione a buffet inclusa, servita nel ristorante tematizzato Tutankhamon Restaurant.

Gardaland Hotel ha messo a punto speciali iniziative dedicate a Gardaland Magic Circus. Oltre agli allestimenti a tema, anche tutta l’animazione del padiglione centrale sarà legata al mondo del circo così come l’attività pomeridiana per i bambini, lo show e l’intrattenimento serale che sarà interamente realizzato dai vivacissimi animatori di Gardaland Hotel.
GARDALAND MAGIC CIRCUS è un’esperienza unica e imperdibile, una festa continua, ricca di divertimento, magia, risate e sogno.

Fonte Parksmania.it

L’attore si rilassa a Gardaland con la famiglia e un gruppo di amici. Assente la fidanzata Adua Del Vesco, che ha trascorso qualche giorno nella sua Sicilia

#gardaland #gabrielgarko

 

L’Insalata Divertente DimmidiSì ti regala un coupon valido per un INGRESSO OMAGGIO a Gardaland Park

orna la simpatica edizione limitata di DimmidiSì L’Insalata Divertente che ti regala un coupon* valido per un INGRESSO OMAGGIO a Gardaland Park!

E fino a fine ottobre scopri tutti gli altri prodotti DimmidiSì che ti regalano un ingresso omaggio* al Parco n. 1 in Italia: cercali nel banco frigo del reparto ortofrutta!

E quest’anno DimmidiSì, per la prima volta, è presente anche a Gardaland nella DOREMIFARM, la fattoria canterina ubicata nell’area di Fantasy Kingdom del Parco Divertimenti dove, tra mucche, maialini, oche, topini, galline e tenere pecorelle, i bimbi sperimenteranno la vita di campagna in allegria! Buon divertimento!

* coupon valido per un INGRESSO OMAGGIO a Gardaland Park – a fronte dell’acquisto di 2 biglietti a tariffa intera diurna alle biglietterie del Parco.

Perla D’Oriente è il nuovo show presentato all’interno del, sempre maestoso, Gardaland Theatre. Appena varcate le porte d’ingresso del teatro si comincia già a respirare un aria orientale con alcuni decori a tema, posizionati nel foyer e, vicino alle scale che portano alla sala regia, è appeso un dragone tipico delle parate orientali.

Il Theatre, all’interno si presenta nella sua forma più semplice, nessun decoro sul palco tranne un evocativo riempimento dei due spazi a bordo palco utilizzati da “Rebellion” per nascondere le finte piante gonfiabili. In questo caso è stato creato una specie di laghetto (finto) con ninfee e lanterne galleggianti. Diciamo sin da subito che siamo entrati con un po’ di timore nell’assistere a questo nuovo show in quanto, con il cambio completo di regia e del cast artistico e con la paura di un “Rebellion 2 in salsa orientale” eravamo di fronte ad un grande punto interrogativo, con in fondo però la speranza di assistere ad un grande spettacolo, un po’ rincuorati anche dalla visione, qualche ora prima, di Romeo le Formidable (a cui dedicheremo la nostra recensione nei prossimi giorni).  Abbiamo da subito notato come il teatro sia stato “ripulito” nel suo impianto illuminoscenic; meno luci presenti, spariti i proiettori videomapping (tranne quello centrale) e questo ci ha sorpreso e vi anticipiamo già che tutto ciò che è stato “tolto” dagli spettacoli precedenti, dona grande forza a Perla D’Oriente.

Durante l’attesa d’inizio show, il sempre mitico Pas Pas allieta il pubblico con le sue gag, ma è proprio quando comincia lo spettacolo che c’è il primo grande cambiamento. Il comico Pas Pas diventa parte attiva della storia e non ha più solo il ruolo d’intrattenitore pre-spettacolo. E’ proprio lui a raccogliere la grande perla luminosa per consegnarla alla regina e sarà proprio Pas Pas a permettere alla Perla di aprire uno scrigno dal quale uscirà un dragone che ci porterà nell’atmosfera e nelle meraviglie del mondo antico orientale.

In questa prima parte torna il videomapping ma il suo utilizzo è funzionale all’introduzione e ottimamente inserito nel contesto e non utilizzato come semplice orpello grafico per creare stupore. Guardando lo spettacolo si nota subito una mancanza: la trama non esiste, o meglio, la trama non è raccontata. Starà a noi costruirla e interpretarla in base alle emozioni che gli artisti sapranno darci; nessuna voce narrante ci guiderà lungo i 25 minuti di spettacolo, solo musiche, luci e tante, tante meraviglie.

Una volta che lo scrigno viene aperto e il drago liberato si viene subito trasportati nell’antico oriente attraverso l’ingresso sul palco di Gheishe con grandi ventagli che danzeranno mentre una lunga processione scende dalle tre scale del teatro dirigendosi verso il palcoscenico con delle grandi lanterne luminose. Si nota sin da subito la qualità e la cura per ogni abito che è stato realizzato appositamente per questo spettacolo. Da qui in avanti è un continuo caleidoscopio di emozioni e divertimento grazie ad un susseguirsi di numeri circensi e balletti che non cercano di meravigliare lo spettatore con magie o strani macchinari fantascientifici ma semplicemente riportano lo show nella sua essenza più pura: l’abilità e l’impegno degli artisti circensi a favore del coinvolgimento del pubblico con atmosfere non claustrofobiche bensì di “festa”.

Ecco quindi alternarsi artisti che propongono numeri di equilibrismo con vasi ming, di giocoleria con cappelli di paglia, danze con nastri e molto altro ancora. A questi numeri si alternano sequenze di intermezzo davvero piacevoli come l’ingresso in scena di un “Cane/Dragone” che seguirà il suo padrone che regge una palla in mano, per giocare assieme a lui, oppure un suggestivo passo a due, dove la ballerina verrà sollevata attraverso un imbracatura, per permettere delle movenze ispirate a film come “La foresta dei Pugnali Volanti”.
Proprio da questo balletto si capisce come con questo show, ogni elemento in scena è funzionale a ciò che gli autori ci vogliono raccontare senza voler esagerare e questo permette di mantenere una grande coerenza dall’inizio alla fine, lasciando la voglia di tornare a vederlo nuovamente.

Con le dovute proporzioni, in alcuni frangenti lo spettacolo ci ha portato alla mente Cirque du Soleil e questo è un grandissimo punto a favore per Perla D’Oriente.

In Conclusione, a nostro avviso, questo Show 2017 del Gardaland Theatre è un gradito ritorno alle origini degli spettacoli, che si sposano alla perfezione con i Parchi Divertimento ed è un reset completo di quanto eravamo abituati a vedere ma che forma delle basi molto solide per gli spettacoli futuri.

Perla D’oriente è un meraviglioso viaggio nella suggestiva cultura orientale, fatto di stupore e tante emozioni, in grado di meravigliare lo spettatore e lasciando la voglia di scoprire di più su questo popolo così lontano da noi.

Una tappa obbligatoria, quindi, durante la visita al parco

Fonte foto show: Proeventi

 

Iniziata la stagione 2017 dopo il successo di quella 2016, Gardaland guarda al futuro, e se una delle novità per il 2018 sarà la collaborazione con Il Vittoriale per portare una piccola mostra permanente dedicata a Gabriele D’Annunzio all’interno del parco, per il 2019 è previsto un Villaggio Turistico sulle rive del Lago adiacente al parco divertimenti. Non si sanno ancora i dettagli o come sarà realizzato ma dalle poche parole dell’amministratore delegato Aldo Maria Vigevani crediamo possa essere una sorta di Disney Village o, in questo caso di Gardaland Village.

In futuro, anche se non per il 2019, è previsto anche un terzo Hotel, ma bisognerà aspettare un pò più a lungo.

Ecco un interessante articolo legato al recente successo del parco, del suo futuro e dell’aumento dei visitatori e i mercati che cerca di attrarre.

 

Archiviato il 2016 con un incremento del 3 per cento negli arrivi (oltre 3 milioni in totale), Gardaland dà il via al suo 42esimo anno di attività con alcune novità di prodotto e una promessa: l’apertura, nel 2019, del primo villaggio turistico collegato con il parco.

L’annuncio è stato dato dall’amministratore delegato Aldo Maria Vigevani nel corso della giornata di riapertura del complesso: “Non sarà ovviamente un villaggio turistico come siamo abituati a intenderli – ha spiegato il manager – con i clienti che arrivano e ‘vivono’ all’interno del villaggio. Sarà un’area collegata con Gardaland, in riva al lago, con la quale noi punteremo piuttosto a fare ‘uscire’ dal villaggio i clienti. Ovviamente per portarli più volte nel parco con pacchetti studiati ad hoc”.  Discorso diverso invece per il terzo hotel, dopo quello inaugurato lo scorso anno, per il quale bisognerà attendere più a lungo.

Crescono i visitatori esteri
Vigevani ha inoltre posto l’accento sulla componente straniera dei visitatori, arrivata al 30 per cento del totale degli ingressi; cifra che sale al 45 per cento per quanto riguarda i pernottamenti negli hotel (contro il 10 per cento del 2005). E sta diventando sempre più importante anche la ricaduta occupazionale, in continua crescita anno dopo anno, grazie all’aggiunta di nuove attrazioni e all’aumento del ricettivo: “Quest’anno a pieno regime – ha spiegato l’a. d. – avremo 1.550 addetti, mentre ora in bassa stagione partiamo con 900 persone”.

Intanto, per quanto riguarda le novità del 2017, Gardaland guarda alla realtà virtuale con la montagna russa Shaman. Una new entry protagonista in negativo nella giornata inaugurale (“Il fornitore non ha rispettato i tempi” ha spiegato con imbarazzo Vigevani nel corso della conferenza stampa), funestata anche dall’incidente tecnico all’impianto elettrico, che ha determinato un intervento di emergenza sull’attrazione Sequoia e lo stop alle varie ‘giostre’ per circa un’ora. Poi il 2017 di Gardaland ha definitivamente preso il via.

 

Fonte: TTG Italia

Gardaland ha avvisato tutti i suoi utenti attraverso Facebook e il proprio sito Internet che Shaman, novità 2017, non sarà disponibile a causa di problemi tecnici legati alla realtà virtuale.

Il Coaster sarà comunque utilizzabile ma senza i visori. I Visitatori potranno godere comunque degli elementi scenografici reali posizionati nell’area di Magic Mountain, come il grande acchiappa sogni.

Non appena il problema sarà risolto verrà comunicato sia attraverso il sito, sia nella pagina Facebook e anche nel nostro sito. Se il problema verrà risolto entro sabato ovviamente i visitatori potranno provare l’esperienza virtuale anche dal primo giorno, ma allo stato attuale e proprio con questo comunicato le speranze sono assai poche.

[UPDATE]Trovato online da GardalandTribe.com lo spot tv di Gardaland 2017 – Shaman da 30″ con un giorno d’anticipo. 

GARDALAND DA DOMANI IN ONDA PER SHAMAN. BUDGET A +5% RISPETTO AL 2016

Frame dello spot Gardaland 2017 – Shaman

Aprirà i battenti sabato 8 aprile la nuova stagione di Gardaland, il parco nei pressi del Lago di Garda del gruppo MerlinEntertainments.

La novità del 2017 è Shaman, la montagna russa con la realtà virtuale che accompagna gli ospiti del parco in un viaggio emozionante attraverso il misterioso mondo degli spiriti dove verranno in contatto con leggendari spiriti guardiani, uno spirito malvagio e con lo sciamano stesso.

Il lancio della nuova attrazione è firmato da Tbwa\Manchester, agenzia di riferimento del parco dal 2013, che  ha lavorato allo spot televisivo di 30”, dal titolo ‘Scopri il tuo spirito d’avventura’ assieme al regista italiano Dario Piana per sfidare gli spettatori a scoprire il loro spirito d’avventura.

Luca Marigo
Sales and Marketing Director

Luca Marigo, direttore sales & marketing di Gardaland, spiega a Today Pubblicità Italia: “Lo spot, nei tagli da 30” e 15”, sarà in onda dal 5 al 22 aprile per coprire l’apertura, i giorni di Pasqua e lanciare il ponte del 25 aprile. Successivamente saremo on air con un secondo flight a metà giugno per tre settimane, per la partenza dell’alta stagione”.

La pianificazione, a cura di Mediacom, coinvolgerà diverse emittenti generaliste a partire da Mediaset, poi canali di Sky, Vimni e Discovery.

“La tv assorbe il 60-65% del nostro budget  – prosegue Marigo – per il resto comunichiamo attraverso il digital, in particolare nella fase di prelancio, poi su outdoor e radio in particolare a livello locale”.

Nel complesso, nel 2017 il budget per la comunicazione del parco avrà un incremento del 5% circa rispetto ai 2,5 milioni del 2016.

“Il lancio di questa attrazione è molto significativo – conclude Marigo- perché si rivolge ad entrambi i nostri target di riferimento: quello dei giovani 15-25 enni in cerca di adrenalina e quello delle famiglie, che rappresenta circa i due terzi del nostro pubblico”.

Fergus McCallum, ceo di Tbwa\Manchester ha commentato: “È bellissimo poter lavorare con un brand internazionale quale Merlin Entertainments, saremo dunque entusiasti di poter continuare in futuro questa forte partnership con Gardaland con ulteriori campagne”.

Con la direzione creativa esecutiva di Gary Fawcett & Lisa Nichols hanno lavorato l’art Laura Wood e il copy Rickie Marsden. La regia è di Dario Piana per la casa di produzione Happy Means Content.


FONTE:pubblicitaitalia.it

ARTICOLO DI Laura Buraschi

}