Blue tornado, l’inverted coaster di Gardaland, è un ever green del parco. Tantissimi sono ancora i visitatori che sfrecciano nel cielo sui treni di questo vekoma….ma come dare un nuova vita e nuove emozioni?

Una soluzione potrebbe essere l’inserimento di Near-miss features, ovvero elementi, come in Raptor, che sembra di evitare all’ultimo momento. Inserendo questi si andrebbe a parlare di elementi scenografici e quindi di un nuovo tema.

La vicinanza di ingressi e uscite tra Blue tornado e Mammut potrebbe suggerire un ambientazione artica ma differente da Mammut. Sfruttando il “lago” sottostante gran parte dell’attrazione si può ipotizzare un volo tra i ghiacci del polo nord e tra gli icebeg! Ponti di ghiaccio, per esempio dove c’è il passaggio vicino all’acqua con il vapore, orsi polari, rocce innevate, ghiaccioli e colorazione alla base delle colonne che simula il fatto che siano ghiacchiate creerebbero un tema non invadente, carino e ben gestibile.

Per esempio la parte finale, dove sembra di sfiorare coi piedi le siepi sottostanti, potrebbe prevedere lo stesso effetto ma con finti mucchi di neve e roccia con orsi polari ed altri elementi del polo nord….e magari una zanna di mammut che spunta!

Il tema prosegue all’esterno con una stazione ghiacciata e il fast food che potrebbe integrare meglio i due temi ora presenti (negozio mammut- fast food blue tornado) con elementi interni ed esterni.

L’attrazione, come succede anche nei parchi Disney, potrebbe diventare una sorta di mission 2, diventando “Blue Tornado – missione artica”.

Nel nostro fotomontaggio abbiamo provato a ipotizzare come potrebbe essere il risultato. Che ne dite? Commentate sulla nostra pagina Facebook!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...