Una spettacolare disciplina sportiva in aereo – il Bush Flying – e la simulazione del volo di un’aquila. Questi gli elementi chiave di un’eccezionale impresa organizzata da Gardaland per presentare la novità 2017 – Shaman – che vede la Realtà Virtuale applicata alla leggendaria Montagna Russa del Parco: una straordinaria avventura mai proposta prima dal Parco divertimenti numero uno in Italia. Protagonista indiscusso di questo singolare evento è Fabio Guerra, ex pilota di jet militari e attuale ufficiale di linea su Boeing 777, che ha sfidato i cieli e se stesso per stabilire un record mai registrato prima. La sua missione era quella di simulare il volo di un’aquila fra le cime innevate delle montagne per poi posarsi, con un atterraggio da primato, in un ridottissimo spazio di frenata, su un’area al limite dell’impossibile ai piedi del Monte Baldo, a ridosso del Lago di Garda. La disciplina del Bush Flying – chiamata dagli appassionati “il volo selvaggio dell’aquila” – prevede di decollare e posarsi, come un rapace, su un’area impervia fermando il velivolo in ridottissimi spazi al limite dell’impossibile. Fabio Guerra, pioniere italiano di questa attività estrema, ha voluto fissare un primato nazionale per iscriverlo sul libro dei record: effettuare un atterraggio fuori pista riuscendo a fermare il velivolo su una piccolissima area sconnessa, in uno spazio circoscritto del diametro di pochi metri. La straordinaria missione è stata realizzata grazie ad un particolare velivolo dotato di “Alaskan bushwheels”, ruote giganti prodotte unicamente in Alaska, pensate per atterraggi fuori pista e con pneumatici pari a quelli di un aereo di linea di medie dimensioni!

COME UN’AQUILA – L’aereo utilizzato per l’impresa è decollato vicino a Gardaland raggiungendo entro brevissimo tempo gli oltre 2 mila metri di altitudine sul Lago di Garda. Imitando lo spettacolare volo dell’aquila, ha sorvolato il Monte Baldo e le sue cime innevate con una serie infinita di picchiate, cabrate ed evoluzioni a 10 gradi sottozero. Fabio Guerra, dopo essersi destreggiato in diverse manovre ed acrobazie da cardiopalma, è sceso in picchiata a valle compiendo un atterraggio fuoripista “mozzafiato” nel ristrettissimo spazio di circa 20 metri, la misura del cerchio di centrocampo di un campo da calcio stabilendo un assoluto primato italiano. Un’esperienza da brivido ma allo stesso tempo affascinante, un’emozione intensa e fuori da ogni schema che, lo stesso Fabio Guerra, ha voluto commentare a caldo: “Non è facile atterrare fuori pista su fondi sconnessi ma il record italiano è stato fissato! Il “Bush Flying” è davvero un’esperienza unica e coinvolgente come sarà Shaman a Gardaland”.

MISSIONE SHAMAN – Nonostante le difficoltà di questa prova la missione Shaman – questo il nome dell’impresa realizzata dal pilota e da un team di grandi professionisti – ha fissato il primato italiano; la squadra potrà ora partecipare alla competizione sportiva internazionale che si terrà a Valdez, in Alaska, a maggio. E se Fabio Guerra si è destreggiato a bordo di un particolare velivolo simulando nel cielo le evoluzioni di un’aquila, lo stesso rapace sarà il protagonista di Shaman, la nuova attrazione 2017 di Gardaland. Grazie ai visori per la Realtà Virtuale applicati alla leggendaria Montagna Russa del Parco, i passeggeri verranno trasportati da un’aquila in uno spettacolare volo oltre i confini del mondo degli spiriti degli Indiani d’America. A bordo di Shaman i temerari passeggeri si troveranno “virtualmente” seduti su un tronco in legno sul quale gli indiani d’America hanno scolpito la testa stilizzata di un’aquila e affronteranno la prima parte del percorso circondati da rocce e da totem. Il tronco si trasformerà in una vera e propria aquila che spiccherà uno spettacolare volo dopo aver attraversato l’acchiappasogni, il suggestivo oggetto-simbolo della cultura degli indiani d’America che rappresenta il portale per raggiungere il mondo degli Spiriti! E allora… il doppio giro della morte, i due avvitamenti laterali e l’elica finale che caratterizzano l’attrazione diventeranno vere e proprie acrobazie aeree! Per vivere la memorabile esperienza – grazie alla combinazione tra le reali evoluzioni da brivido della celebre Montagna Russa e un’immersiva avventura nella Realtà Virtuale occorrerà aspettare l’8 aprile con l’apertura della nuova stagione di Gardaland.

Fonte: corriere dello sport

}