2020

Aprirà il 28 maggio Legoland Water Park, la nuova area di Gardaland dedicata ai mattoncini più celebri al mondo.

Il parco con un comunicato stampa e un video annuncia l’assunzione di 50 persone e svela quali saranno le attrazioni.

 

LE ATTRAZIONI

  •  River Adventure, un corso d’acqua che attraverserà gran parte dell’area del Parco Acquatico e che si potrà percorrere a bordo di gommoni personalizzabili. Il percorso attraverserà una grotta dall’ambientazione sottomarina e costeggerà la Miniland, l’area che ospita un centinaio di monumenti italiani tutti realizzati con mattoncini lego
  • Beach Party, aree gioco su più livelli e scivoli colorati, con cannoni che sparano acqua 
  • Creation Island: costruzione di barche personalizzate con i mattoncini per poi posizionarle in acqua facendole galleggiare per tutto il percorso. I bambini potranno anche realizzare creazioni con i mattoncini Duplo, decorare un grande castello di sabbia tutto di mattoncini e utilizzare grandi blocchi morbidi per costruire muri giganti 
  • Duplo Splash  scivoli per i più piccoli e scoperta degli animali acquatici che popolano i diversi luoghi del pianeta
  • Jungle Adventures con diversi scivoli
  • Pirate Bay è la grande piscina pensata per tutta la famiglia
  • Presenti anche un Lego Shop e un ristorante

LE ASSUNZIONI

Gardaland sta selezionando oltre 50 figure professionali da assumere per la gestione di Legoland Water Park.

In particolare, si stanno ricercando 40 assistenti bagnanti. Il parco cerca sia figure già in possesso del brevetto di assistenza ai bagnanti sia candidati da formare: questi ultimi potranno infatti conseguire il brevetto grazie ad un accordo stretto da Gardaland con la Federazione Italiana Nuoto. I restanti dieci posti sono per addetti alla gestione del negozio e alla ristorazione.

Per vedere realizzata la rotatoria tra la strada Gardesana (Sr 249), via Derna e via Gasparina servirà del tempo, almeno un anno per l’avvio dei lavori stando a previsioni ottimistiche, ma un ulteriore passo verso la trasformazione dell’incrocio è stato fatto con l’approvazione del progetto definitivo da parte della Giunta comunale di Castelnuovo del Garda. Della necessità dell’opera si parla da anni: servirà innanzitutto a regolare la viabilità in entrata e uscita da via Derna (che porta ai parcheggi e agli hotel di Gardaland), uno dei punti più critici sulla Gardesana per l’alta densità di traffico generato dalle attrazioni turistiche della zona e dalla vicinanza a snodi importanti come il casello autostradale di Peschiera. Fondamentale per mettere in sicurezza l’incrocio e importante per rendere più fluido il traffico, tamponando almeno in parte i problemi vissuti in particolare dagli abitanti di località Ronchi, l’opera sarà tuttavia una goccia nel mare. Non solo perché saranno necessari altri interventi strutturali per sgravare la Gardesana (nuovo casello di Castelnuovo collegato alla tangenziale Sr 450, svincolo della tangenziale su via Derna e allargamento di quest’ultima a quattro corsie anche dal futuro svincolo alla rotonda che porta agli hotel di Gardaland), ma soprattutto considerando che la zona lago di Castelnuovo vedrà nei prossimi anni un’ulteriore espansione degli insediamenti turistici, con il conseguente carico di traffico aggiuntivo. C’è il villaggio turistico che occuperà l’area dell’ex stabilimento industriale Saima e le aree circostanti, con l’edificazione di circa 50mila metri cubi di volumetria; c’è il «Gardaland bungalow village», altro campeggio-villaggio che sorgerà su un’area a ridosso dell’abitato dei Ronchi (anche qui con l’edificazione di 50mila metri cubi); e c’è il piano urbanistico «Ca’ Bianca» con 22.500 metri cubi di residenza e 16.500 metri cubi per edifici destinati a campeggio. Nell’immediato bisognerà poi fare i conti, già dalla prossima primavera, anche con la nuova proposta di Gardaland che inaugurerà il Legoland Waterpark. La rotatoria ha un costo di 400mila euro e sarà realizzata attraverso la società Forte del Garda Spa (nuova ragione sociale della Saima industrie meccaniche Spa) dell’imprenditore Pietro Delaini, la stessa società che da oltre un decennio ha stipulato un accordo pubblico-privato con il Comune per la trasformazione turistica dell’area industriale ancora presente in zona lago e il trasferimento della fabbrica in località Mongabia. Secondo quanto stabilito dalla precedente amministrazione comunale dopo aver recepito le prescrizioni della Commissione provinciale per la Valutazione di impatto ambientale, l’opera sarà realizzata dalla Forte del Garda come mitigazione in vista del futuro insediamento ricettivo e finanziata con lo scomputo degli oneri di urbanizzazione da erogare al Comune, che ammontano a 778mila euro. L’approvazione del progetto definitivo da parte della Giunta ha reso effettiva la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera, passaggio che ora rende possibile al Comune avviare gli espropri delle aree circostanti l’incrocio per realizzare la rotatoria. «Una proprietà ha già ceduto delle particelle, ora parte l’iter vero e proprio degli espropri», dichiara l’assessore ai Lavori pubblici Cinzia Zaglio. Tra i sei da attuare, per cui a bilancio sono stati destinati 10mila euro, ci sono anche quelli a carico di Gardaland e a società collegate al parco divertimenti. «Prevediamo che nell’arco di pochi mesi potremo disporre dei terreni per iniziare i lavori», aggiunge Zaglio, «la realizzazione della rotatoria dipenderà da quando la società potrà essere in grado di cantierizzare l’opera, ma anche dalle tempistiche imposte da Veneto Strade. L’attenzione del Comune verso la massima riduzione dei tempi sarà costante in questi mesi». •

Un’oasi di 15mila metri quadrati nuova di zecca, tutta dedicata a famiglie e bambini. Gardaland si appresta a colorarsi con i mattoncini Lego del primo water park tematico d’Europa. 

È dalla zona ovest del parco divertimenti che comincia il viaggio a ritroso nella futura oasi di Legoland, per cui è in corso la ricerca del personale. Tra il cemento e la terra del cantiere già emerge un complesso sistema di scivoli, schizzi d’acqua e cascate già decorato in pieno stile Lego. È una delle circa dieci attrazioni che riempiranno il parco acquatico di Legoland tra poco più di tre mesi

Il maxi-progetto da 20 milioni di euro comprende la realizzazione di una piattaforma con tre specchi d’acqua per giocare tra mattoncini, scivoli e relax. Oltre a due piscine di differenti profondità arricchite da giochi e installazioni, dentro Legoland scorrerà un lento fiume lungo ben 370 metri, che accompagnerà il visitatore tra alcune delle bellezze architettoniche del nostro Paese: il Colosseo di Roma, la Basilica di San Marco a Venezia e la Torre di Pisa

L’obiettivo dei vertici di Gardaland – che quest’anno festeggia 45 anni di vita – è quello di creare un’esperienza stratificata di divertimento, dove oltre all’offerta di Gardaland, con un biglietto aggiuntivo si potrà far immergere i bambini in un mondo tematico oggi inedito in Europa, anche attraverso l’insegnamento della manualità che da sempre caratterizza il brand Lego.

Il gruppo Alpitour e Gardaland hanno firmato un accordo di esclusiva per la vendita di soluzioni di viaggio, riguardanti in particolare i tre hotel a 4 stelle del parco divertimenti più famoso d’Italia, dotato di 40 attrazioni, fra cui il nuovissimo 44 GATTI Rock Show , la zona a tema Peppa Pig Land, le montagne russe, i jet supersonici, ivoli da brivido in caduta libera, il Gardaland SEA LIFE Aquarium e il nuovissimo LEGOLAND® Water Park Gardaland – il primo parco acquatico in Europa interamente tematizzato LEGO® – in cui sarà possibile immergersi tra milioni di mattoncini LEGO® fra giochi d’acqua interattivi.
Il Gardaland Hotel propone atmosfere da favola, nel Gardaland Magic Hotelgli gli ospiti amanti della magia vengono accolti da maghi e creature magiche, e il Gardaland Adventure Hotel è dedicataìo agli amanti delle grandi avventure e alle esplorazioni. Per chi arriva da lontano sarà possibile inserire nel pacchetto anche il volo aereo.
Al riguardo Pier Ezhaya, Direttore Tour Operating del Gruppo Alpitour, commenta: «Questa partnership esclusiva è per noi molto importante in quanto avvia una proficua collaborazione, volta a raggiungere un obiettivo comune». Aldo Maria Vigevani, CEO di Gardaland: «L’accordo ha una valenza strategica per il nostro Resort, permettendoci un presidio ancor più strutturato sul mercato sia in termini di offerta sia di comunicazione». 

Visita per una scolaresca del Basso Lago al cantiere di Legoland, dove i lavori dovrebbero essere ultimati entro fine aprile.

Tante domande dei bimbi sul parco che aprirà il 29 maggio.

 Dopo aver visitato il cantiere e aver individuato il punto in cui sorgerà l’attrazione Costruisci una Barca, la scolaresca si è potuta esercitare nella costruzione delle barche, affiancata dalla mascotte Prezzemolo. Diù

Quello che sorgerà a Gardaland sarà il quinto nel mondo e in assoluto il primo Legoland Water Park d’Europa.

Comments are closed.