Inoltre in questi anni è più volte impegnata nella conduzione del programma radiofonico Gran varietà alternandosi con Raffaella Carrà, Walter Chiari, Paolo Villaggio e Gino Bramieri; è anche interprete in coppia con Francesco Mulè della commedia Con assoluta gratitudine scritta da Maurizio Costanzo. Con Raimondo porta i simpatici battibecchi coniugali in versione radiofonica nella trasmissione Io e lei mentre da sola presenta il programma radiofonico Kitsch, al fianco di Luciano Salce, al posto di Bice Valori e prima di Anna Mazzamauro. Sempre in radio è poi la volta di Monsieur le Professeur con la regia di Raffaele Meloni, divertente modo di apprendere la lingua francese con Carlo Dapporto in veste di insegnante e la Mondaini stessa in quella di allieva.

Poi con Raimondo Vianello riscuote ancora grandissimo successo in televisione con numerosi spettacoli. Nel 1972 sono i protagonisti dello show Sai che ti dico? assieme ad Iva Zanicchi e alla soubrette Minnie Minoprio; inoltre Sandra torna in teatro con Pippo Baudo nella commedia musicale L’ora della fantasia (da cui Billy Wilder trasse Baciami, stupido). Il 1973 vede Sandra impegnata ancora in televisione in Ah l’amore! assieme a Piero Parodi e Franca Valeri; il 30 dicembre 1973 partecipa allo spettacolo di fine anno 73… ma li dimostra, accanto al Quartetto Cetra, Valeria Fabrizi e Adriano Celentano. Nel 1974 la coppia Mondaini-Vianello torna in TV con lo spettacolo Tante scuse, seguito l’anno successivo da Di nuovo tante scuse dove Sandra incide anche la sigla del programma, basata sull’effetto di uno scioglilingua. Sandra dimostra ancora una volta di essere una brava attrice, presentatrice, cantante e ballerina. In entrambe le edizioni sono ospiti fissi i Ricchi e Poveri, che interpretano, tra l’altro, la sigla finale di trasmissione. Inoltre, sono spesso presenti i comici caratteristi Tonino Micheluzzi ed Enzo Liberti.
Sandra Mondaini con Minnie Minoprio e Iva Zanicchi nel 1972

Nel 1976 è di nuovo in teatro nella commedia di Garinei e Giovannini Assurdamente vostri con l’attrice Anna Miserocchi; la commedia debutta al Teatro Parioli di Roma il 6 febbraio 1976. Alla fine del 1976, Sandra e Raimondo lasciano da parte la televisione, per portare la loro comicità nel varietà radiofonico Più di così, che prende il posto di Gran varietà; si tratta di uno show con ospiti, sketch e canzoni, registrato con il pubblico in sala. Al fianco dei due artisti che presentano lo spettacolo, partecipano anche Ornella Vanoni, i Ricchi e Poveri e Alighiero Noschese.

Nel 1977 la coppia Mondaini-Vianello torna in televisione con lo spettacolo Noi… no! (il loro primo programma TV a colori) dove Sandra incide entrambe le sigle del programma: quella d’apertura Cerco un uomo, una sigla insolita rispetto alle altre cantate dalla Mondaini, con un testo sensuale e dalle sonorità disco-music; più tradizionale è quella di chiusura: la celebre Ma quant’è forte Tarzan, che ottiene un successo inaspettato.

L’anno seguente i coniugi Vianello sono i protagonisti del varietà abbinato alla Lotteria di Capodanno Io e la Befana con la partecipazione di Gigi Sammarchi e Andrea Roncato e trasmesso all’interno di Domenica in all’epoca condotta da Corrado. Sandra in questa occasione interpreta per la prima volta il clown Sbirulino, divenuto subito un beniamino del pubblico infantile, ispirandosi al clown Scaramacai, personaggio interpretato molti anni prima dalla soubrette Pinuccia Nava. Sempre nel 1978 Erminio Macario la vuole al suo fianco insieme a Marisa Del Frate, Rita Pavone e Tiziana Pini in Macario più, lo show televisivo del sabato sera realizzato per festeggiare i suoi cinquant’anni di carriera; le tre soubrette recitano accanto all’artista torinese nelle sue commedie e ripropongono le riviste di cui sono state protagoniste. Nello stesso anno, Sandra presenta uno spettacolo su Telemontecarlo dal titolo Stasera mi sento milionaria, la domenica pomeriggio su Raiuno è invece protagonista della serie Tre camere e cucina con Ave Ninchi e Tullio Solenghi e inoltre con Raimondo incide il singolo Argentina my love.
Nella stagione 1979-1980 Sandra è nel cast della trasmissione Domenica in condotta da Pippo Baudo e nel 1980, dalla Bussola di Marina di Pietrasanta in Versilia, i coniugi Vianello presentano, insieme a Delia Scala, lo spettacolo Una rosa per la vita, uno dei primi esempi di iniziativa televisiva destinata a raccogliere fondi per la ricerca sul cancro; il galà, che vede la partecipazione di numerosi personaggi del mondo dello spettacolo, viene riproposto per altri due anni con la stessa formula e gli stessi presentatori.

Nel 1981 Sandra e Raimondo conducono, con la partecipazione di Heather Parisi, Gianni Agus ed Enzo Liberti, lo show del sabato sera Stasera niente di nuovo, ultimo loro spettacolo televisivo realizzato in Rai; inoltre Sandra incide la sigla finale della trasmissione Si chiama Zorro e canta e balla l’avan-sigla finale Occhi rosa per te con Heather Parisi. Sempre nello stesso anno il suo personaggio Sbirulino è il protagonista della sigla del programma Fantastico bis. L’anno seguente Sandra torna sul set con Gianni Agus e gira il film Sbirulino diretto da Flavio Mogherini che sarà l’ultimo lavoro di Sandra Mondaini per il grande schermo.

Per la trasmissione televisiva L’uovo mondo (1982), Sandra è la voce narrante del cartone animato dedicato al Risorgimento.

Sia da sola che in coppia con Raimondo Vianello, la Mondaini è stata testimonial pubblicitaria di decine di prodotti negli sketch di Carosello. Tra i prodotti reclamizzati, la crema Venus Bertelli, il brandy Stock 84, i materassi Permaflex e la camomilla Montania.

Nel 1982, sempre insieme al marito, è tra i primissimi artisti di grande popolarità a lasciare la Rai per approdare sul neonato network televisivo privato della Fininvest, con lo show Attenti a noi due, in onda su Canale 5 in cui i due coniugi sono protagonisti con la partecipazione di Al Bano, Romina Power, i Ricchi e Poveri e la soubrette italo-francese Trixie Revelli, cui faranno seguito diversi altri spettacoli di intrattenimento insieme all’inseparabile Raimondo, tra cui ricordiamo Attenti a noi due 2 nel 1983 (fu poi annunciato anche un Attenti a noi due 3, che però non venne mai realizzato) e Sandra e Raimondo Show del 1987 con Cinzia Lenzi, Bonnie Bianco, Galyn Görg, Alessandra Martines, Steve La Chance, Sabrina Salerno e Tracy Spencer. Durante l’estate del 1983 conduce con Cesare Cadeo su Canale 5 il programma Five Album, nel quale vengono riproposti spezzoni dei programmi andati in onda durante la stagione 1982-1983 che vengono commentati con giornalisti e protagonisti in studio. Nella stagione 1987-1988 partecipa inoltre, nei panni di Sbirulino, alla trasmissione domenicale La giostra conducendo assieme ad Enrica Bonaccorti lo spazio Ok Bimbi (versione per bambini del famoso quiz Ok, il prezzo è giusto!) incidendo anche la sigla dal titolo Quanto costa sognare. Nel 1982 e nel 1984 è stata inoltre autrice e presentatrice della trasmissione TV per bambini Il circo di Sbirulino a cui partecipa anche Tonino Micheluzzi e dove Sandra è protagonista assoluta sempre con il suo Sbirulino.

Nel 1984 inizia a partecipare come ospite fissa alle puntate del lunedì e del sabato della seconda edizione del game show preserale di Canale 5 Zig zag condotto da Raimondo Vianello con la partecipazione di Enzo Liberti, diventandone co-conduttrice per la terza e ultima edizione, dal 1985 al 1986.
Sandra Mondaini con Raimondo Vianello in Sandra e Raimondo Show (1987)

Dal 1988 al 1990 è ospite fissa su Canale 5 del quiz televisivo Il gioco dei 9, anch’esso condotto dal marito Raimondo. Nell’autunno degli anni 1989 e 1990 è nel cast del programma TV Sabato al circo in onda il sabato in prima serata su Canale 5: Sandra veste i panni del simpatico Sbirulino regalando momenti di spettacolo per tutta la famiglia.
A dieci anni dalla nascita della televisione commerciale, nel 1990 la coppia Vianello-Mondaini viene chiamata a condurre una puntata del varietà Buon compleanno Canale 5 con Heather Parisi, presenza fissa del programma; insieme a Mike Bongiorno, Corrado e Marco Columbro, l’11 gennaio 1991 tornano a presentare la puntata finale della trasmissione.

Dal 1991 al 1993, Sandra porta in scena per l’ultima volta il pagliaccio Sbirulino, affiancando Marco Columbro e Lorella Cuccarini nella conduzione di Buona domenica, uno dei primi programmi in diretta della televisione commerciale italiana.

Dal 1988 al 2007 Sandra e Raimondo sono i protagonisti di Casa Vianello, la sit-com più famosa e longeva prodotta dalla televisione italiana: vengono infatti realizzate 16 stagioni per un totale di 338 episodi mantenendo negli anni l’impianto classico del programma, che ne ha reso il grande e costante successo. Assieme alla coppia Mondaini-Vianello, anche l’attrice Giorgia Trasselli nei panni della tata.

Tra il 1996 e il 1997 la serie si è trasferita in campagna, con cinque film per la TV intitolati Cascina Vianello, a cui partecipa anche Paola Barale, e altri cinque dal titolo I misteri di Cascina Vianello: in questi ultimi la coppia si cimenta in un’insolita attività di investigazione per scoprire gli autori di delitti o furti, ma sempre in chiave umoristica. In questi due anni è anche attrice nella fiction Caro maestro con Marco Columbro ed Elena Sofia Ricci, interpretando il ruolo dell’eccentrica zia Ottilia; nel cast anche Franca Valeri, Stefania Sandrelli, Francesca Reggiani, Nicola Pistoia ed Antonella Elia.

Nella primavera 1995, Sandra e Raimondo partecipano anche a La grande avventura, programma condotto da Marco Columbro e Lorella Cuccarini su Canale 5, dove venivano celebrati i 15 anni di vita dell’allora Fininvest, attraverso i racconti dei volti più noti dell’azienda.

A metà degli anni novanta partecipa come doppiatrice d’eccezione alla famosa serie animata americana I Simpson nell’episodio La rivale di Lisa dando la voce ad Allison Taylor (nella versione originale doppiata da Winona Ryder).

Nel febbraio 1998 in coppia con Fabrizio Frizzi, Sandra conduce dal palco dell’Ariston di Sanremo una puntata speciale di Domenica in seguendo la serata finale del Festival presentato quell’anno da Raimondo Vianello. A giugno dello stesso anno conduce con Enrico Papi il programma Sapore d’estate.
Nel 2001 Sandra incide un CD di canzoni dedicate a Gorni Kramer, arrangiate dal maestro Giampiero Boneschi. Nel 2003 Sandra e Raimondo partecipano al programma La fabbrica del sorriso, il primo progetto televisivo promosso da Mediafriends Onlus, condotto da Gerry Scotti, Claudio Bisio, Alessia Marcuzzi e Michelle Hunziker; oltre ai comici di Zelig e ad altri personaggi dello spettacolo, anche loro hanno aderito all’iniziativa con questo evento di solidarietà a favore dell’infanzia disagiata.

Nel 2004, durante la stagione primaverile, prende parte come opinionista alla prima edizione del reality show La fattoria, in onda su Italia 1 e condotto da Daria Bignardi. Sempre nel 2004 è conduttrice, insieme al marito, del programma televisivo Sandra e Raimondo Supershow, che ripercorre in 13 puntate le tappe della carriera della coppia attraverso filmati di vecchi programmi Mediaset; tale programma risulterà essere l’ultimo condotto dalla coppia.

Nel 2007 Sandra viene scelta da Arturo Brachetti nel suo spettacolo teatrale L’uomo dai 1000 volti, come voce narrante della mamma del protagonista (interpretato da lui stesso). Nello stesso anno la casa discografica Rhino Records pubblica un cd dal titolo Le più belle canzoni di Sandra Mondaini, contenente le migliori sigle e canzoni da lei interpretate.

Anche a seguito di esperienze personali – sia Sandra sia Raimondo Vianello sono stati affetti dal cancro -, Sandra Mondaini è stata impegnata per anni in innumerevoli iniziative per la raccolta di fondi per la ricerca contro il cancro.
La piastrella del muretto di Alassio autografata da Sandra Mondaini

Nel giugno 2008 Sandra e Raimondo tornano per l’ultima volta sul set come protagonisti del film TV Crociera Vianello; nel cast sono presenti anche Tosca D’Aquino, Massimo Wertmüller, Fabio Fulco e Sabina Began. Il 10 dicembre 2008, durante la conferenza stampa che precede la messa in onda, annuncia profondamente commossa il ritiro dalle scene per la diagnosi di vasculite, che la costringerà poi all’uso della sedia a rotelle. Le apparizioni pubbliche si diradano: Sandra compare nello spot natalizio Mediaset del 2008 e, a gennaio 2009, come ospite d’onore della prima puntata del serale dell’ottava edizione del talent show Amici condotto da Maria De Filippi, sua cara amica anche nella vita privata. Nel settembre 2009 partecipa ai funerali di Mike Bongiorno in sedia a rotelle e successivamente concede, assieme al marito, qualche intervista in ricordo del conduttore scomparso, che oltre a essere un collega era anche un caro amico della coppia.

Ulteriormente provata dalla morte del marito Raimondo, avvenuta il 15 aprile 2010, la malattia si aggrava e Sandra subisce in seguito diversi ricoveri presso l’ospedale San Raffaele di Milano e la casa di cura San Rossore di Pisa; a luglio e ad agosto rilascia le ultime interviste telefoniche.

Sandra Mondaini muore il 21 settembre 2010, cinque mesi dopo la morte del marito, presso l’Ospedale San Raffaele di Milano, dopo dieci giorni di ricovero per insufficienza respiratoria. La camera ardente viene allestita presso lo studio 4 di Mediaset a Cologno Monzese, lo stesso dove per più di dieci anni i coniugi Vianello avevano registrato gli episodi della sit-com Casa Vianello. Il funerale si svolge il seguente 23 settembre presso la chiesa di Dio Padre a Milano 2 alla presenza della famiglia di filippini che l’ha assistita e che Sandra ha amato come figli, designandoli eredi, e di molti personaggi dello spettacolo e della politica.

Successivamente, seguendo le sue volontà testamentarie, viene tumulata non a Roma al Cimitero del Verano vicino al marito Raimondo, ma a Milano nel Cimitero di Lambrate, accanto ai suoi genitori.

Fonte: Wikipedia

Share

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on tumblr
Share on telegram
Share on whatsapp
Valuta questa pagina
5/5

Comments are closed.