GardalandTribe realizza questo nuovo video alla scoperta dell’area tematia più longeva di Gardaland.

Un viaggio nel mitico far west nella cittadina di Rio Bravo.

Buona visione

Nel mondo, varie attrazioni simili a “Colorado Boat” di Gardaland, presentano un tema e una storia durante varie fasi del percorso. Gli esempi più belli ed imponenti sono di certo:

Il nostro “Colorado Boat” ha un tema minimal in cui si intuisce solo di essere su un tronco trasportato dalla corrente tra i boschi delle montagne rocciose americane.

Non ci sono effetto o scenografie nel percorso, al di la della grande montagna-cascata. Noi di Gardalandtribe.com ci siamo divertiti a creare dei fotomontaggi che raccontano un’ipotetica storia nel percorso del flume ride.

Unendo il tema del trasporto tronchi per la segheria (legato anche a Sequoia adventure) al tema del roller coaster “Shaman” abbiamo ipotizzato una storia tra invasione dell’uomo bianco delle foreste e maledizioni di sacri spiriti dei nativi americani.

Ecco a voi i fotomontaggi e la storia associata! Benvenuti su COLORADO’S CURSE!

Enjoy!!!

COLORADO’S CURSE

ABBIAMO REALIZZATO ANCHE UN VIDEO 😀

L’uomo bianco ha conquistato le sacre terre indiane per creare le proprie fabbriche.

Affronta il percorso sul dorso dei grandi tronchi fino alla grande segheria, attraversando foreste, mulini e grotte.

Ma attento a totem e simboli dei pellerossa! Non sono un buon segno!

Dopo aver attraversato il taglio dei tronchi non avvicinarti troppo al villaggio dello sciamano!

Verrai attratto fino alla sua sacra tenda dove gli spiriti malediranno te e tutti gli uomini che hanno osato distruggere i sacri fratelli alberi!

Solo un misterioso percorso ti permetterà di tornare sano e salvo alla base!

I grandi totem e gli animali della foresta sapranno purificarti per portarti fino nella grotta sacra alle popolazioni.

Li incontrerai lo sciamano che, con magici riti, e simboli mistici, ti porterà fino all’ultima sacra prova…la discesa dalla grande cascata del Colorado.

cartolina-gardaland_2017-gardalandtribeChiediamo al parco qualche info sul VR coaster 2017. Ecco le risposte che gentilmente ci sono state fornite.

-GardalandTribe: Ci sarà la VR su tutti i posti del coaster? Ci sarà una nuova scenografia per l’attrazione? Se si che tema avrà?

-Gardaland: La VR ci sarà su tutti i posti; sarà poi a discrezione dell’ospite scegliere se vivere l’attrazione in “modalità VR” oppure no.
Possiamo dire che l’attrazione avrà una nuova tematizzazione, ma il tema lo scoprirete a brevissimo su gardaland.it!

Inoltre il parco ci allega questo file dal quale scopriamo che sarà fatto un nuovo minisito www.gardaland2017.it .
L’immagine è tratta da una cartolina promozionale che verrà distribuita nel corso delle attività di animazione che si terranno nel mese di dicembre nei principali centri commerciali del nord Italia.

Blue tornado, l’inverted coaster di Gardaland, è un ever green del parco. Tantissimi sono ancora i visitatori che sfrecciano nel cielo sui treni di questo vekoma….ma come dare un nuova vita e nuove emozioni?

Una soluzione potrebbe essere l’inserimento di Near-miss features, ovvero elementi, come in Raptor, che sembra di evitare all’ultimo momento. Inserendo questi si andrebbe a parlare di elementi scenografici e quindi di un nuovo tema.

La vicinanza di ingressi e uscite tra Blue tornado e Mammut potrebbe suggerire un ambientazione artica ma differente da Mammut. Sfruttando il “lago” sottostante gran parte dell’attrazione si può ipotizzare un volo tra i ghiacci del polo nord e tra gli icebeg! Ponti di ghiaccio, per esempio dove c’è il passaggio vicino all’acqua con il vapore, orsi polari, rocce innevate, ghiaccioli e colorazione alla base delle colonne che simula il fatto che siano ghiacchiate creerebbero un tema non invadente, carino e ben gestibile.

Per esempio la parte finale, dove sembra di sfiorare coi piedi le siepi sottostanti, potrebbe prevedere lo stesso effetto ma con finti mucchi di neve e roccia con orsi polari ed altri elementi del polo nord….e magari una zanna di mammut che spunta!

Il tema prosegue all’esterno con una stazione ghiacciata e il fast food che potrebbe integrare meglio i due temi ora presenti (negozio mammut- fast food blue tornado) con elementi interni ed esterni.

L’attrazione, come succede anche nei parchi Disney, potrebbe diventare una sorta di mission 2, diventando “Blue Tornado – missione artica”.

Nel nostro fotomontaggio abbiamo provato a ipotizzare come potrebbe essere il risultato. Che ne dite? Commentate sulla nostra pagina Facebook!

Partiamo con questa nuova rubrica in cui Inseriremo vari articoli e artwork dedicati a nostre ipotesi di rehab o restyling di attrazioni e aree del parco.

Oggi vi diciamo “E se…” Magic mountain avesse una scenografia per uniformare l’attrazione con “colorado boat” e “sequoia adventure”?

Questa è la creazione del nostro grafico per l’ingresso dell’attrazione. Rocce, legno, vegetazione e qualche cascata creano l’ingresso di quella che potrebbe essere una nuova spedizione alla scoperta delle magiche montagne….magari con un occhiale virtual!

Commentate sulla nostra pagina facebook questo artwork!

I Corsari sono una delle più belle attrazioni di Gardaland e quella costata di più, un opera imponente che vide 30 imprese lavorare per ben 3 anni per la sua realizzazione. Un investimento multimiliardario (all’epoca delle lire) ma che lanciò Gardaland nell’Olimpo dei parchi divertimento a livello Europeo.
Dopo 25 annCorsari (11)i di lunga carriera, l’attrazione ha visto un lento declino dovuto proprio all’età degli elementi presenti. Per molti anni fu lasciata in totale abbandono e in altri si cercò di sistemare quello che si poteva (e riusciva) a sistemare.

In questo articolo vogliamo provare a valutare come poterla rimettere in forma con interventi che secondo noi non comporterebbero dei grossi investimenti per il parco. Ovviamente non siamo a conoscenza dei vari costi e nemmeno di cosa necessita l’attrazione come manutenzione o se le modifiche che proponiamo possano essere realizzate o meno. Ma vogliamo cimentarci comunque a proporre qualche idea che, senza stravolgere troppo l’attrazione, siamo sicuri possa portare i Corsari ai fasti di un tempo.

La prima valutazione è quella di vedere un probabile rehab dell’attrazione non come una semplice sistemazione generale ma come una vera e propria novità. Una sorta di “Seconda Avventura”. Un po’ come avvenne a Disneyland con Space Mountain che, dopo molti anni, ricevette un buon restyling e venne pubblicizzata con la “Seconda Missione” risultando quindi una vera e propria novità del Resort parigino. E proprio da questo concetto potrebbe partire Gardaland per un suo eventuale rinnovamento dei Corsari.

IL POTERE DELLA TRAMA

Creare una nuova storia da raccontare potrebbe essere il primo passo, mantenendo la figura di Jason Montague, l’antagonista già presente nell’attrazione, e le scene che in linea generale non subirebbero grosse modifiche. Non vogliamo sbilanciarci su una possibile trama in questo articolo dato cheCorsari (8) le possibilità sono infinite, ma partire con un racconto studiato a tavolino potrebbe giovare al rinnovamento dell’attrazione in quanto si avrebbe una linea guida da seguire. Inutile indicare come assieme ad una nuova storia servirebbe una nuova colonna sonora e date le recenti realizzazioni non sarebbe un problema per il parco crearne una molto affascinante.

Potrebbero essere ripristinati i vecchi schermi lungo il percorso che permetterebbero di raccontare al meglio la nuova avventura. In questo caso il costo più grande sarebbe girare i video da proiettare, anche se, visto il buon lavoro svolto con la mini-serie realizzata per Oblivion, per il parco non dovrebbe essere una missione impossibile. Perché ripristinare i video? Semplicemente la trama verrebbe raccontata scena per scena creando una sorta di continuità e poi ovviamente un filmato è meno costoso di veri animatronici.

Ma non solo proiezioni negli schermi già presenti. Un interessante aggiunta potrebbe essere l’introduzione di enormi pannelli con immagini proiettate negli spazi che ora risultano inutilizzati o con il teatrale “Sfondo Nero”. Per capirci meglio all’ingresso della scena del mostro marino sulla destra sono presenti delle piante che si muovono e, dietro di esse, un enorme muro nero che funge come una sorta di sipario. Aggiungendo uno schermo con proiezioni in quel punto potrebbe essere un ottima occasione per colmare uno spazio vuoto e ingrandire la scena già presente. A titolo di esempio si potrebbe mostrare ai visitatori un enorme distesa di mare e in lontananza una nave pirata che viene attaccata dal mostro marino per poi vederlo avvicinarsi alla nostra imbarcazione. Ma di possibilità ce ne sarebbero a migliaia lungo tutto il percorso un po’ come è visibile nell’attrazione dei Pirati dei Caraibi del nuovo Disneyland a Shangai.

IL VECCHIO CHE TORNA NUOVO

Per contenere i costi di un rinnovo si potrebbero utilizzare anche vecchi elementi presenti in altre attrazioni dismesse. Non crediamo possa essere un eresia rCorsari (6)ecuperare ad esempio la proiezione dei Fantasmi che era presente nella “Valle dei Re” inserita, per esempio nella scena della nave affondata.

Anche il sistema che permetteva a “Tunga” di dondolarsi tra le piante con una liana potrebbe tornare all’interno dei Corsari. Questo elemento infatti era presente nella scena della grotta del tesoro con un pirata che dondolava sopra uno dei cristalli. Fu tolto per inserirlo nel 2000 proprio nel vecchio Safari Africano rinnovato. E proprio da Tunga alcuni elementi, opportunamente sistemati, potrebbero andare a rinnovare l’attrazione piratesca di Gardaland. Pensiamo alle enormi liane di corda che attraversavano il percorso, Tunga che lottava con un coccodrillo, la roccia che cade e la porta d’acqua di Canyons o altri elementi che riadattati potrebbero rianimare l’attrazione. Chissà cos’altro si può trovare nei magazzini del parco per essere riutilizzato, ed essendo Gardaland parte di un gruppo, non ci sarebbe nulla di male di prendere elementi inutilizzati di altri parchi della Merlin. Il Riciclo è un arte e se fatto bene può dare ottimi risultati come si è visto nel nuovo negozio western con il recupero dei vecchi carrelli di Canyons.

LA TECNOLOGIA DELLO STUPORE

Una delle possibilità per rendere più interessante l’esperienza potrebbe essere l’utilizzo del “Video Mapping”, tecnologia già vista in azione negli ultimi show serali ma che è sempre di più utilizzata anche come effetto speciale per le nuove attrazioni in giro per il mondo.

E a creare degli effetti speciali davvero imperdibili, anche se crediamo abbastanza costosi, potrebbe correre in aiuto l’azienda americana Technifex che già all’epoca collaborò proprio per la realizzazione dei Corsari. Tra le tecnologie che si potrebbero inserire all’interno ci sarebbe sicuramente l’effetto del finto fuoco realizzato grazie al vapore acqueo e sapienti effetti luce tanto da renderlo praticamente vero. Uno speciale “cannone” spara-calore troverebbe invece il suo utilizzo nella scena della battaglia con un getto d’aria calda sincronizzato con gli spari dei cannoni, ed altri effetti speciali legati all’acqua rianimerebbero un percorso che per gli appassionati risulta abbastanza piatto e monotono. Una nuova versione del tunnel d’acqua potrebbe essere installata per renderlo più interessante e d’effetto come si può vedere nel sito della Technifex.

Un altro elemento da inserire a nostro avviso potrebbe essere quello utilizzato nell’attrazione dei Pirati dei Caraibi nei parchi Disney dove su una finta cascata d’acqua viene proiettata l’immagine di Davy Jones.

ESPERIENZA MULTISENSORIALE

Una delle soluzioni per rinnovare I Corsari, potrebbe essere l’inserimento di elementi Multi—sensoriali. Attenzione però! non parliamo di elementi in 4D, occhialini, pistole laser  o cannoni ad acqua.

Corsari (3)La nostra idea è quella di non snaturare l’essenza di Dark Ride rendendola interattiva ma semplicemente coinvolgere maggiormente i visitatori invogliandoli, assieme agli elementi che abbiamo proposto prima, a tornare a visitare l’attrazione più volte nel corso della giornata o del periodo di apertura del parco.

Ecco quindi che qualche getto d’aria calda o fredda potrebbe rendere interessante l’esperienza del viaggio.

Basandoci sugli effetti presenti nei cinema multisensoriali l’inserimento di una macchina che spara Bolle di Sapone potrebbe trovare posto nella scena finale ambientata sott’acqua.

Un altro elemento interessante potrebbe trovare posto a bordo proprio delle imbarcazioni dei visitatori. Non sappiamo se sia possibile o meno ma l’installazione delle “Cannucce” sotto le gambe per simulare il passaggio di piccoli animali potrebbe rendersi utile nella scena dei pipistrelli e delle fogne con i topi come avviene per esempio nel Time Voyagers Theatre.

Di possibilità di ridare nuova linfa vitale ai Corsari e portarla ad un nuovo livello qualitativo ce ne sarebbero a migliaia più o meno costose. Con questo articolo abbiamo semplicemente voluto proporre delle idee, più o meno fattibili e più o meno costose che potrebbero ricollocare un attrazione stupenda nell’Olimpo delle Dark Ride Europee.

Gardaland presenta attrazioni di ogni tipo; dai roller coaster ai water ride, dai walk through alle dark ride. Ma la domanda di molti e di molte è: e per i bimbi piccoli?

Con questo articolo vogliamo dare dei consigli a mamme, papà, zii, nonni e cugini che vorrebbero portare il proprio bimbo piccolo a Gardaland, magari per la prima volta.

La prima informazione è proprio che anche i bambini sotto i 4 anni possono divertirsi nel parco gardesano con tante attrazioni che andiamo ad esplorare assieme!

Le attrazioni per loro sono varie e, per la maggior parte dei casi, è richiesta la presenza di un genitore accanto al figlio (questo in base ad età ed altezza).

Andiamo con ordine.Partiamo dalla prima area che si incontra entrando nel parco.

Area medievale Camelot

DSC_0181Dal 2014 il parco ha introdotto “Prezzemolo land”, una mini area dedicata ai più piccoli contenente un castello-acquatico, dove i bimbi si possono scatenare in costume da bagno, e una zona tra scivoli, altalene e altri giochi scenografati come delle grandi invenzioni di un Prezzemolo leonardesco! In questa zona i bimbi, accompagnati dai genitori, sono liberi di esplorare e scoprire un mondo colorato e dedicato esclusivamente a loro…fino alle “colline salterine” sulle quali i tuoi figli si scateneranno con pazzi salti! Ovviamente vi è anche il punto ristoro dedicato alle merende dei piccoli “inventori”.

giostra-cavalliMa l’area “Camelot” offre altre attrazioni per i più piccoli. “TransGardaland Express”, il classico treno che fa il giro della prima parte del parco e che attraversa la magica “galleria della fantasia” può essere una nuova bella esperienza come lo è anche un giro sulla fantastica “Giostra cavalli”.

Dal 2015 un’altra mini-area per i più piccoli è nata: “Prezzemolo magic village”. La zona, che si affaccia su un villaggio di elfi, è circondata da sabbia con secchielli e palette, altalene, scivoli e giochi con molle. In questo mini mondo il bimbo può giocare tranquillamente.

Fantasy Kingdom

Il villaggio di elfi e buffi personaggi sono la scenografia di un piccolo e colorato trenino chiamato “Funny express”, perfetto per bambine e bambini piccoli!

Questa attrazione fa parte del grande mondo fumettoso del parco: “Fantasy kingdom”.

DSC_0185Il grande “Albero di Prezzemolo” si staglia al centro dell’area dedicata ai più piccoli e a chi resta sempre un po’ bambino. Oltre alla visita nella casa-albero di Prezzemolo”(attenzione a non entrare nella “Magic House” attrazione non adatta ai figli piccoli), si può salire su buffi trattori di “Do re mi Farm” ed affrontare un viaggio nella fattoria più fumettosa e pazza che ci sia!

Abbandonate mucche e maialini canterini ci si può lanciare all’ingresso del grande e rosso Hangar dal quale prendere il volo sulla monorotaia “Volaplano” a bordo di simpatici aeroplanini che percorrono tutto il perimetro dell’area, sfiorando le torte giganti, i buffi peluches giganti fin dentro il grande fienile! Finito questo volo se ne può affrontare un secondo a bordo di una piccola giostrina chiamata “Baby pilota”, sorella di “Baby corsaro”, “Baby Canoe” e “Baby Cavalli”, piccole avventure coi personaggi di Gardaland. Ma non è finita. “Fantasy kingdom” offre altre magie per i più piccoli. “Saltomatto”, un mini “Space vertigo”, la via degli alberi parlanti, la piazza delle fontane danzanti, lo show nel “Teatro delle marionette” ed anche un servizio molto utile, la nursery per cambiare il tuo piccolo.

Altre attrazioni nel parco.

Già sono molte le attrazioni accessibili anche ai piccoli visitatori ma non finisce qua!

PREZZEMOLO-CONell’attraversare il parco ci saranno occasioni di trovare il padrone di casa Prezzemolo che si farà fotografare coi suoi baby fans!

Altri show sono creati per i piccolini. Solitamente, nel periodo estivo, è rappresentato uno show con le mascotte del parco nell’arena hawaii.

Un volo tranquillo ma, forse, che necessita un po’ di coraggio, si può affrontare su “Flying island”, piattaforma che raggiunge i 50 metri d’altezza per poter vedere tutto il mondo di Gardaland dal cielo!

Se i requisiti richiesti lo permettono si possono affrontare le avventure de “l’era glaciale e di Scrat” nel cinema 4D di Gardaland.

Area finale e Kung fu panda academy

DSC_0737La parte finale del parco riserva altre sorprese con piccole giostre come “Peter pan”, con veloci vascelli si ruota attorno al vascello di Capitan hook che lotta con Peter Pan, e “Super baby”, una piccola giostra con buffi animaletti, un panoramico giro su “Monorotaia” che viaggia tra i mondi della seconda parte di Gardaland. Un grande giardino con frutta e verdura fumettose fa da cornice alla piccola montagna russa “Ortobruco tour”.

presentazione-kung-fu-panda-9Da maggio 2016 il parco propone, nella stessa zona appena descritta, il mondo di Kung fu panda. “Kung fu Panda Academy”, una mini land contenente attrazioni, show, animazione e percorsi immersi nel tema cinese del buffo panda Po e dei suoi allenamenti nella “Kung fu panda academy”! Si potrà affrontare il percorso di allenamento sulla montagna russa per famiglie “Kung fu Panda Master”, incontrare Po nell’arena show e ritrovarsi all’interno di coppe di spaghetti cinesi ruotanti, di Mr.Ping, nella nuova versione delle storiche tazze.

 

Aperture speciali.

12162808_912478705496987_563412296_oOgni periodo dell’anno è adatto a far scoprire il mondo di Gardaland al tuo piccolino. L’inizio stagione prevede eventi divertenti come “Magic circus” o il giorno dedicato ai Cosplay travestiti come i personaggi del famosi cartoon.

L’estate introduce “night is magic” con le atmosfere notturne con giochi di luce e show. Sicuramente anche “Magic halloween” e, soprattutto, “Magic winter” sono speciali anche per i bimbi.

Il mese di Ottobre prevede scenografie legate al mondo di Halloween ma nulla di terrificante. Ci sono allestimenti e show dedicati anche ai più piccoli tra buffe zucche e streghette simpatiche.

20151205_105603Nel periodo invernale i tuoi figli potranno giocare un un playground sulla neve, affrontare discese “innevate”, pattinare sul ghiaccio e, soprattutto, scoprire le canzoni di Natale e incontrare il “vero” Babbo Natale, immersi negli allestimenti delle feste invernali!

 

 

hotel
Hotel e Acquario!

Anche gli Hotel del parco sono consoni all’ospitare i bimbi! Il grande “Gardaland Hotel” prevede stanze a tema dedicate ai più piccoli immersi nel mondo di Prezzemolo, in un castello delle principesse, nei ghiacci dell’era glaciale o nel tecnologico mondo di Oblivion. Ma non finisce qui. Tanti momenti di animazione all’interno della struttura con animatori e mascotte del parco.

Stanza wild west adventure

Stanza wild west adventur

Il nuovo “Gardaland Adventure Hotel”, da giugno 2016, è completamente tematizzato coi temi principali del parco (far west, giungla, polo nord e magico oriente) fino al ristorante a tema egizio. Le stanze sono pensate proprio per le famiglie e anche qui ci saranno animazioni dedicata ai più piccoli.

I due hotel sono collegati tra logo dalla zona piscina “Blue lagoon” che, nel periodo estivo, allieterà le calde ore di chi soggiorna presso gli hotel del Gardaland resort.

IMG-20150706-WA0020“Sea life aquarium” è il grande acquario a tema di Gardaland. In ambiente completamente scenografato, il tuo bimbo potrà scoprire i pesci di laghi, fiumi, mari e oceani. Un’esperienza che piacerà davvero ai bambini di tutte le età. Si attraverserà anche il tunnel oceanico, sembrando di essere sotto l’oceano immersi tra razze e squali! Anche in questa struttura sono previsti momenti di animazione e didattici dove poter conoscere e toccare alcune specie dei nostri mari!

Conclusioni e consigli.

 

Come essere certi di tutto ciò che vi ho appena descritto? Basta far affidamento al personale del parco e, soprattutto, consultare sempre le limitazioni dal sito del parco e-o all’ingresso di ogni attrazione!

aaaa

Sicuramente anche altre attrazioni potrebbero essere adatte ai bimbi un po’ più grandi (jungle rapids, mammut, ramses, i corsari…) ma dipende dal carattere, dall’altezza e dall’indole dei tuoi piccoli esploratori!

Spero, di cuore, che questo breve articolo sia utile a tanti genitori per chiarirsi le idee e rispondere positivamente alla fatidica domanda “posso portare a Gardaland il mio bimbo piccolo?”!

Riportiamo le foto scattate durante la nostra ultima visita al parco in merito ai cantieri della nuova area 2016, ex area luna park, e del restyling della piazza Souk arabo. Non abbiamo nuove foto del cantiere del Gardaland Adventure hotel causa fortissima nebbia al mattino.

Buona visione!

news-gardalandGardaland vi invia una marea di news oggi! E ve le vogliamo proporre tutte assieme! Una valanga di news davvero interessanti! Partiamo dal Gardaland Adventure Hotel!

GARDALAND ADVENTURE HOTEL

Oggi è un giorno speciale: da pochi minuti è stato attivato sul sito il widget peri effettuare il booking online http://www.gardalandadventurehotel.it/ Si possono prenotare le prossime vacanze estive!

Sul fronte  lavori  nel cantiere sono in corso di completamento posa delle persiane e finitura del colore per il building dedicato alle camere Wild West Adventure, Arctic Adventure e Jungle Adventure; la struttura della reception ha oramai preso la sua forma caratteristica, mentre il secondo builiding dedicato al ristorante e alle camere Arabian Adventure sta proseguendo a gran ritmo.

GARDALAND HALLOWEEN PARTY

Il palco del Dj set sarà qualcosa di memorabile! Avete presente quello della festa dei 40 anni? Nulla a confronto. Ci sarà un palco dalle fattezze di un castello degno del più pretenzioso dei Conte Dracula…ma a fare ancor più la differenza saranno i dettagli (e che dettagli!).

Gardaland ci regala un file audio realizzato per promuovere l’Horror Hour delle 16.30 al Bar Hawaii e mai andato in onda…

La prossima foto  comprova che in Gardaland tutto deve passare test severissimi prima di essere messo a disposizione dei gentili Ospiti. Ecco Dario Bagnoli, Food&Beverage Manager, che brinda alla “brutta cera” di Paolo Carta, Show&Entertainment Manager.

MAGIC WINTER

Le attrazioni disponibili saranno davvero tante… ben 27!!! … E anche i più adrenalinici avranno di che festeggiare con le 5 top ride a loro dedicate!

Come avvenuto negli anni scorsi, oltre alle attrazioni (tante!) ci saranno tutta una serie di divertenti attività a corollario, ma queste il parco ci fornirà maggiori info prossimamente.

Cosa accade poi a dicembre??? Si potrà regalare o regalarsi un anno di Gardaland: da dicembre saranno infatti in vendita gli Abbonamenti 2016.

 

 

treniGardaland ha il piacere di informarci che da oggi 19/6 Magic Mountain, Blue Tornado e Mammut riprenderanno a funzionare con TUTTI i treni disponibili.